C’è anche il Padiglione del parco del Cormôr tra i migliori edifici degli ultimi 100 anni

È stato realizzato dall’architetto Pirzio Biroli L’indagine globale realizzata da uno studio negli Stati Uniti



Il Padiglione degli incontri del Parco del Cormôr è tra i migliori edifici nel mondo realizzati negli ultimi cento anni. Il Friuli entra nella selezione mondiale di «The Best Buildings in the world» grazie all’architetto Roberto Pirzio Biroli che proprio con quel progetto vinse il premio Piranesi.


Il «Best Buildings in the world» è – prima nel suo genere – un’indagine globale sugli edifici più importanti realizzati, anno dopo anno, dal 1916 al 2015. Tra i criteri di selezione la prerogativa che ogni struttura deve essere ancora in piedi e accessibile al pubblico. Ciò che rende questa lista unica, è sia il suo concetto di originalità sia la forza di essere andati a scovare strutture inaspettate, proprio come il Padiglione degli incontri del parco del Cormôr. Molte icone emergenti sono inevitabilmente incluse: il Fallingwater di Lloyd Wright, la Sydney Opera House di John Utzon e il Guggenheim Museum Bilbao di Frank Gehry. Ma questa lista molto personale – compilata dal commentatore statunitense di architettura John Hill – include anche una serie di edifici meno noti e anche un po’ controversi. Tra questi ricordiamo il De la Warr Pavilion di Mendelsohn e Chermayeff, la Cappella Thorncrown di Fay Jones e l’Habitat 67 di Moshe Safdie.

L’architetto Pirzio Biroli ha introdotto «in Friuli la metodologia degli “ambiti edilizi unitari di ricostruzione”. Suoi progetti e realizzazioni di restauro-ripristino di interi centri minori e borghi di Santa Margherita del Gruagno, Portis, Resiutta, Tramonti di Sotto, Ceresetto, in Friuli; Buccino in Irpinia; Paganica in Abruzzo; nonché restauri di gruppi di edifici nei centri storici, sono stati pubblicati sulle principali riviste internazionali di architettura. Progetti e realizzazioni in Italia, Germania, Portogallo, Slovenia, Usa sono apparsi su riviste e libri editi in Italia e all’estero».

Pirzio Biroli ha sviluppato progetti di ricostruzioni e trasformazioni del paesaggio agrario e dell’assetto territoriale-idrogeomorfologico per la realizzazione di parchi agro-turistici e agro-ambientali con programmi e finanziamenti Europei, in Italia, Germania, Austria, Portogallo».

Tra le altre cose Roberto Pirzio Biroli, docente universitario in Svizzera e Austria, è stato direttore del Centro regionale di catalogazione e restauro dei Beni culturali della Regione Friuli Venezia Giulia. —



Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi