In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ergastolo per Ruotolo, la lunga difesa in aula: «Non ero lì, c’è il dna di un altro. Anch’io voglio la verità per loro»

Giosuè, condannato alla pena massima anche in Appello, parla per 27 minuti, al microfono è un fiume in piena: difende l’ex fidanzata e spiega i suoi rapporti con Trifone

5 minuti di lettura

Daniele Renna e Sergio Romano: «Nell’ultimo periodo Trifone non si comportava bene a casa, faceva dispetti: ritardi nei pagamenti, non puliva casa e non lavava i piatti. Romano parlando con Renna, c’ero anche io, siccome aveva il numero di Teresa, dispetto per dispetto decise di far sapere a Teresa tutte le frequentazioni di Trifone (...). Presidente, io ero il più piccolo, avevo 23-24 anni, loro 27-28, in tutta leggerezza ho deciso di accettare. Le garantisco però che Trifone di questi messaggi non se ne è fregato niente e non è andato a cercare nessuno, né me né Renna o Romano. Tanto è vero che non ha nemmeno chiesto spiegazioni ad Annalisa Martino (i messaggi erano stati firmati “Annalisa”, ndr).

[[(Video) Fidanzati uccisi a Pordenone, in 60 secondi la storia di un anno]]

La cosa importante è che quei messaggi sono stati mandati 9 mesi prima della tragedia, ma Teresa e Trifone non sono stati uccisi da messaggi Facebook, ma da colpi di arma da fuoco, non c’è niente che riguarda me come persona, non c’è niente, né Dna né saliva né impronte né polvere da sparo, non lo dico io, lo dice una relazione dei Ris di Parma che sono estraneo ai fatti. Mi sono dovuto sentire la parola ergastolo sulla mia persona. Ma, signori miei – Giosuè si infervora e ripete –, ergastolo per cosa, ergastolo per cosa, ergastolo per cosa?».

L’imputato osserva poi che in questo processo indiziario le prove ci sono, ma a suo discarico. «Hanno voluto dare libero sfogo alla fantasia – punta il dito contro i coinquilini –. Renna e Romano hanno detto che io ho litigato con Trifone, che la lite sarebbe cominciata in caserma e finita in palestra, invece sono venuti a testimoniare tutti quelli della caserma e della palestra e li hanno smentiti».

Nessuna minaccia di denuncia da parte di Trifone, precisa Giosuè, anzi: «La verità è che con Trifone non ho mai litigato né verbalmente né fisicamente». L’imputato osserva che si è parlato della «lite inventata» dai coinquilini e non «di quella di una settimana prima della tragedia». «Per un anno pm e avvocati sono andati avanti dicendo che si era fatto male nell’allenamento, poi è arrivato l’istruttore e ha spiegato che Trifone era già arrivato dolorante».

[[(Video) Fidanzati uccisi a Pordenone, Giosuè Ruotolo condannato all'ergastolo. La mamma: "Non c'è giustizia"]]

La sera del 17 marzo

«Hanno detto che dico bugie, ribadisco – si sfoga – che io bugie non le dico e vi spiego. Per non aver detto che sono passato al palasport e al parco di San Valentino mi hanno fatto un processo, invece io avevo l’auto da due giorni, il giorno prima ho parcheggiato dove parcheggio di solito in palestra, ma quella sera era occupato perché sono arrivato più tardi».

Racconta poi di aver fatto «il giro largo» per andare a correre al parco, ribadisce che quella sera «faceva freddo, tirava vento. Da lì sono tornato a casa. Per me, presidente, lo giuro, un giorno come tutti gli altri, non ho visto né sentito niente, non potevo dare il minimo contributo alle indagini. Ho pensato che il semplice fatto di essere attenzionato avrebbe pregiudicato l’ingresso imminente nella Finanza».

[[(Video) Fidanzati uccisi a Pordenone, la ricostruzione degli spostamenti di Giosuè]]

Sapendo che c’erano le telecamere, era sicuro che il killer sarebbe stato subito preso. Non si aspettava che l’omissione lo avrebbe inguaiato, mentre invece altri – cita per esempio Ferrandi– che non hanno rivelato subito di trovarsi al palasport e al parco non hanno avuto alcuna conseguenza. «Soltanto di me si è parlato con parole gravi. Io sono rimasto...».

L'ex fidanzata Rosaria

Ricorda che dal palasport si poteva entrare e uscire senza essere visti imboccando la Pontebbana: bisogna indagare «su tutte le persone non inquadrate, non su di me che vado in palestra sotto 10 mila telecamere». Si ferma per trangugiare una sorsata d’acqua: sta per mancargli la voce.

[[(Video) Fidanzati uccisi: in Corte d'assise Rosaria Patrone, la fidanzata di Giosuè]]

Poi rievoca le parole di un’amica di Mariarosaria Patrone, la sua ex fidanzata: «Mariarosaria temeva di aver istigato Giosuè a uccidere Trifone. Non so perché lo abbia detto, avrei voluto che Rosaria chiarisse questa situazione davanti alla corte di assise di Udine, ma ci metto la mano sul fuoco: Rosaria – la difende ancora una volta – non l’ha mai detta quella frase, perché sarebbe stato assurdo istigarmi a uccidere una persona che non aveva mai conosciuto. Non so perché non abbia parlato a Udine, se per scelta sua o del suo avvocato».

Le incongruenze sugli orari: l'ultimo baluardo della difesa

«Questo processo non ha fatto giustizia, ma ha fatto un colpevole, non ha fatto giustizia, ma un condannato incolpevole». Così l’avvocato Giuseppe Esposito ha chiesto l’assoluzione di Giosuè Ruotolo per non aver commesso il fatto. Il legale si è concentrato sull’orologio e sulla telecamera della palestra fitness dalla quale sono usciti la sera del 17 marzo 2015 tre testimoni chiave: nell’ordine Andrea Capuani, dopo 11 secondi il runner Maurizio Marcuzzo e dopo altri 2 secondi il vigile urbano Alessandro Cantarutti. Tutti e tre hanno riferito agli inquirenti di avere sentito gli spari, scambiandoli inizialmente per petardi, e tutti e tre hanno eseguito simulazioni con il pm, ripetendo il tragitto.

L’avvocato Esposito ha incrociato le simulazioni ai dati di orologio e telecamere (sfasate rispetto all’ora reale di circa 6-7 minuti «con giudizio di tranquilla coerenza», secondo il consulente del pm Paolo Reale) ed è arrivato alla conclusione che gli spari uditi da Marcuzzo («Il totem dell’accusa») non possono essere gli stessi uditi dagli altri due testimoni. Perché? Perché, pur essendo usciti dalla palestra a pochi secondi di distanza gli uni dagli altri – considerando gli orari impressi sulle registrazioni video senza considerare l’ora reale –, Capuani ha sentito gli spari nel piazzale circa 1’52’’ dopo, Cantarutti (che parcheggia altrove) circa 1’20’’ dopo, mentre Marcuzzo ha ribadito più volte di essersi fermato ad ascoltare per circa due minuti un messaggio vocale e soltanto dopo 40 secondi in via Amendola ha udito le esplosioni. Le incongruenze, secondo la difesa di Ruotolo, aumentano se si prende in considerazione anche l’orario reale, calcolato sulla base delle indicazioni fornite dal consulente (6-7 minuti): Marcuzzo ha sentito gli spari quando Ruotolo era già andato via dal parcheggio.

L’avvocato Esposito ha detto che il video della palestra è stato trascurato dagli inquirenti. Per la difesa il filo conduttore del processo è stato «lo stravolgimento della logica». La nota trovata nell’iPhone di Mariarosaria Patrone, definita «la stele di Rosetta» dal pm Vallerin, è stata creata 6 mesi dopo la morte dei fidanzati: non era una scappatoia psichiatrica per scaricare sulla ragazza la colpa dei messaggi Facebook molesti. I messaggi deliranti di Mariarosaria erano scatenati dalla sua gelosia e dal bisogno spasmodico di attenzione. Per la stessa ragione, secondo Esposito, non è stato dato peso alle testimonianze di Capuani, «sicuro che non ci fossero auto all’altezza del locale pompe», o di Caticchio, che invece ha visto «un’Audi sportback a 5 porte» vicino al locale pompe. Il messaggio inviato da Trifone a Giosuè il 2 marzo, 15 giorni prima di morire, era amichevole: allungava sempre la vocale finale dei nomi degli amici. Quanto ad Annalisa Barba, come avrebbe potuto confondere la lite alla fine dell’estate fra i tre coinquilini e Teresa e Trifone con quella durante la festa degli alpini fra i soli Giosuè e Trifone se neppure era a conoscenza di quest’ultima?


La famiglia Ragone

Giosuè ci tiene a precisare che non ha mai chiesto 20 euro alla mamma di Trifone quando è andato con gli altri commilitoni a porgerle le condoglianze per la morte del figlio. I militari erano in fila, c’era solamente il tempo per poche parole. «Ma figuriamoci se io con l’Audi A3 e i vestiti firmati vado a chiedere soldi a una madre che soffre». A

ggiunge poi che non è mai stato ospitato a casa di Trifone come ha sostenuto il padre Francesco Ragone. Si rammarica: «A me hanno preso l’auto, perquisito casa mia, dei miei genitori, dei miei nonni con esito negativo. A Protani, invece, che è l’ultimo ad aver visto vivi Teresa e Trifone, gli hanno consentito di rottamare l’auto, senza che lei, presidente, potesse fare accertamenti. Quando invece io ho chiesto la restituzione dell’Audi A3, che serviva a mio padre, i carabinieri mi hanno detto che l’auto serviva a lei». L

’equivoco scatena un istante di ilarità in aula. «Vuol dire alla giustizia...», ribatte il presidente. Giosuè annuisce. «Volevano collocare la mia auto nel parcheggio per forza, l’hanno trasformata in tutto quello che si trovava, sportback, suv, facciamo pure camion e non se ne parli più. Ma io lì non c’ero: lo dicono i testimoni, non ci sono tracce. Perché alla fine non è possibile che io sia qui a processo con il Dna di un altro invece che è fuori».

I commenti dei lettori