Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini, Salvini punta a cambiare le regole e scatena l'ira dei presidi: serve responsabilità

Udine, Tassan Viol: «Mi delude che chi governa faccia scelte per mero calcolo elettorale. È il momento di applicare la legge» 

UDINE. Il fronte dei presidi è compatto: «Da lunedì 11 marzo chi non è in regola con le vaccinazioni, non potrà entrare negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia».

Nelle parole della presidente regionale dell’Associazione nazionale presidi (Anp), Teresa Tassan Viol, si legge un po’ di rammarico per la retromarcia sull’obbligatorietà fatta dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini: «In questo Paese, purtroppo, siamo sempre in campagna elettorale, personalmente ritengo preoccupante e deludente che chi ha responsabilità di Governo, faccia scelte con scarso senso di responsabilità, per meri fini elettorali a brevissimo raggio.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Israele, ondata di gelo in Medio Oriente: Gerusalemme imbiancata dalla neve

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi