In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Così muoiono le api, l'appello agli agricoltori: «Tenete alta la guardia sui rischi dei pesticidi»

Udine, parla il professore Nazzi dopo l’inchiesta per inquinamento ambientale: «All’origine della moria più cause: occorre una formazione adeguata»

4 minuti di lettura

UDINE. Le ultime notizie sul fronte della moria delle api hanno riacceso l’interesse dell’opinione pubblica nei confronti di questi preziosi impollinatori e fatto emergere alcuni aspetti su cui vale la pena di soffermarsi. Innanzitutto, è bene fare chiarezza sull’oggetto in discussione.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Strage di api, nasce il comitato salva-agricoltori]]

L’espressione “moria delle api” è in uso ormai da molti anni per indicare, in senso lato, i problemi di salute che le api domestiche, ma anche quelle selvatiche, stanno incontrando un po’ in tutto il mondo.

Strage di api in Friuli per l'uso massiccio di fitofarmaci



Le cause del problema sono molteplici e vanno dalla carenza di risorse nettarifere e pollinifere che servono alle api per il sostentamento, a malattie di vario genere, all’effetto nocivo di molti agro-farmaci che contaminano polline e nettare, all’impatto dei cambiamenti climatici. Dunque, si tratta di un fenomeno che ha diverse cause le quali, a seconda delle situazioni, possono giocare un ruolo più o meno importante.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Morìa di api in Friuli per il veleno nei campi di mais: raffica di indagati e sequestri]]

Ma per moria delle api, in senso stretto, si intende anche ciò che accade quando un gran numero di api di un alveare muore prematuramente, in modo improvviso, a causa di vari fattori. Tra essi il principale sono gli avvelenamenti che si verificano quando le api bottinatrici incontrano in campagna, sui fiori da esse frequentati, dei prodotti chimici letali usati in agricoltura per combattere gli insetti dannosi o altre malattie.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Morìa di api per il veleno nei campi di mais, 152 indagati in Fvg]]

Anche questo tipo di moria, però, può avere cause diverse; ad esempio, non è infrequente osservare un gran numero di api morte fuori da un alveare come risultato dei combattimenti fra api che si scatenano quando un alveare ne saccheggia un altro per rubare il miele ivi contenuto. Si può addirittura dare il caso di morie causate, involontariamente, dall’apicoltore medesimo, trattando impropriamente l’alveare per combattere dei parassiti.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) L’allarme dell’esperto: «I pesticidi sono un pericolo, qui nessuno pensa alle api»]]

Qualche anno fa, a causa della diffusione in agricoltura di certe molecole particolarmente aggressive, appartenenti alla classe dei neonicotinoidi, le morie causate da avvelenamenti avevano raggiunto livelli preoccupanti ma, fortunatamente, la messa al bando di quelle sostanze da parte dell’Unione europea, dopo che studi molto accurati avevano permesso di accertarne in modo incontrovertibile la pericolosità, ha permesso di risolvere quel problema.

Tuttavia le api continuano a morire e ogni anno circa un quarto delle colonie allevate nell’emisfero settentrionale del nostro pianeta se ne va, per essere rimpiazzato la stagione successiva con sempre maggiori sforzi da parte degli apicoltori.

Non è escluso che il problema sia talvolta legato ad altri pesticidi di cui non è stata ancora accertata la pericolosità; in altri casi le morie potrebbero dipendere dall’uso non corretto di sostanze già note.

Per questa ragione è bene mantenere sempre alta la guardia nei confronti dei rischi legati ai pesticidi, tuttavia, è anche importante riconoscere, una volta per tutte, la multifattorialità del fenomeno della moria, per non trascurare alcuna delle cause scatenanti ed agire, laddove possibile, per rimuoverle o mitigarne gli effetti.

In particolare, è opportuno considerare che le api si nutrono di quello che trovano entro uno, due chilometri dal loro alveare e che per produrre un chilo di miele hanno bisogno di visitare milioni di fiori. Di conseguenza, è facile immaginare come un paesaggio in cui siepi, boschi, alberature e prati polifiti sono stati cancellati senza pietà, spesso non offre a questi insetti neanche il minimo per sfamare se stessi.

Perciò, ma non solo per questo, è bene ripensare al nostro approccio verso la vegetazione spontanea degli agroecosistemi, per evitare che interventi scellerati depauperino una risorsa essenziale in nome di paradigmi produttivi più adatti al Mid-West americano che al Friuli.

D’altro canto, l’approccio alla cura del verde pubblico nelle città spesso rivela in modo lampante la miopia da cui siamo affetti, con magnifici alberi di tiglio, che a inizio estate offrirebbero agli insetti quintali di nettare, ridotti a totem desolati.

Ma non bisogna dimenticare che, tuttora, il maggior pericolo per la salute delle api sono parassiti e patogeni, per combattere i quali è necessario che gli apicoltori intervengano tempestivamente ed efficacemente. E qui il discorso si fa complicato poiché i prodotti usati contro i parassiti sono spesso nocivi anche per le api e se usati impropriamente possono anche causarne la morte.

Altrettanto nocive possono poi rivelarsi certe pratiche che, invece, vengono talvolta attuate senza la sufficiente cura, come la nutrizione supplementare con sostanze di dubbia salubrità o lo sfruttamento eccessivo del raccolto delle api.

Dunque nessuno, neanche gli apicoltori, può esimersi da una riflessione approfondita sui propri comportamenti e soprattutto da un formazione adeguata perché pilotare una nave con cinquantamila passeggeri a bordo, attraverso mari tempestosi (di fatto, questo è l’apicoltura al giorno d’oggi) non è cosa da fare senza una sufficiente preparazione.

Infine, una considerazione sugli agricoltori. I problemi delle api sono certamente problemi degli apicoltori, i quali con sempre maggior fatica conducono questa attività a favore di se stessi ma anche di tutti noi. I problemi delle api sono anche un problema dei comuni cittadini ormai sempre più attenti ai molti segnali di allarme inviati da un pianeta gravemente malato.

Però, i problemi delle api sono, soprattutto, un problema degli agricoltori poiché, effettivamente, l’agricoltura non può fare a meno delle api, dato che almeno tre quarti delle colture agrarie beneficia dell’impollinazione da parte di qualche animale e soprattutto delle api.

Di conseguenza, non solo sarebbe opportuno che gli agricoltori cercassero di astenersi scrupolosamente da qualsiasi pratica potenzialmente nociva per i pronubi ma, anzi, sarebbe importante che considerassero ogni azione di tutela dei pronubi come un vero investimento, nell’ottica di produzioni più abbondanti, sane e sostenibili.

Le api rappresentano uno straordinario esempio di cooperazione poiché un chilo di miele è il risultato dell’andirivieni di centinaia di insetti che raccolgono il nettare per la colonia, mentre le compagne di nido si dedicano ad allevare la prole o a difendere l’alveare, per mantenere in vita un super-organismo formato da migliaia di esseri.

Perché non prendere sul serio questo esempio che sopravvive da milioni di anni e ci esorta silenziosamente ad una azione coordinata per il bene comune?

Tutti insieme, per assicurare una vita migliore agli insetti ma soprattutto all’uomo: governanti che legiferano a tutela dell’ambiente, amministratori che ne valorizzano le risorse, apicoltori che accudiscono le api consapevoli del proprio ruolo, ricercatori che si sforzano di comprendere cause e rimedi dei fenomeni, agricoltori che fanno dei pronubi i migliori alleati e, infine, voi che mi avete seguito fin qui, che con tante piccole azioni quotidiane, potete influenzare tutti costoro. —


 

I commenti dei lettori