In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Morìa di api, la difesa e gli indagati: è giusto smontare l'inchiesta, non si spara così nel mucchio

L’avvocato Tapparo: «Il provvedimento dei magistrati era illegittimo». Saro: «Bastava una soluzione politica». Zampa: «Possiamo lavorare sereni»

Alessandro Cesare
2 minuti di lettura

Morìa delle api, 200 trattori davanti la sede della Regione a Udine

UDINE. È il giorno della rivalsa per gli agricoltori friulani, finiti nell’occhio del ciclone (anche giudiziario) con l’accusa di aver contribuito a causare lo spopolamento delle api. Le motivazioni depositate dal tribunale del riesame smontano tale ipotesi, sottolineando l’assenza di un collegamento “causa-effetto” tra l’utilizzo nei campi del fitofarmaco Mesurol, e la moria delle api.

Non fa nulla per nascondere la propria soddisfazione l’avvocato Cesare Tapparo, fin dall’inizio al fianco dei coltivatori, che ha visto “sposare” praticamente in toto dal tribunale del riesame la sua linea difensiva. In particolare, è stata rigettata l’accusa rivolta agli agricoltori di aver «cagionato una grave compromissione dell’ecosistema» utilizzando il fitofarmaco Mesurol «in modo non conforme alle prescrizioni di sicurezza indicate dal produttore».

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Morìa di api, svolta per gli agricoltori: il giudice del riesame smonta la maxi inchiesta]]

«Le prescrizioni deve seguirle chi concia il mais, che nel caso specifico non sono gli agricoltori ma direttamente le case sementiere – evidenzia Tapparo –. Gli agricoltori sono chiamati solo al rispetto delle precauzioni indicate sui sacchi. La differenza è sostanziale». Per l’avvocato che sta seguendo la difesa di circa 150 agricoltori, «si tratta di motivazioni trancianti che dimostrano il buon lavoro svolto nelle ultime settimane e che stabiliscono come il sequestro preventivo dei terreni fosse illegittimo». Positiva, a suo dire, anche la decisione di escludere dall’eventuale processo le dichiarazioni inserite nei verbali delle guardie forestali.

La protesta dei trattori, il presidente Zanin: "I nostri agricoltori non sono criminali"

. «Questa non avrebbe dovuto trasformarsi in una vicenda giudiziaria – ha commentato –. Trattandosi di un avvenimento dai forti risvolti sociali ed economici per il nostro territorio, era auspicabile una soluzione politica».

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Inchiesta sulla morìa delle api, il comizio di Zanin contro la magistratura davanti a 150 trattori]]

Renato Zampa, dopo aver portato in strada più di 150 trattori con il suo Comitato spontaneo, è in qualche modo sollevato: «Ora gli agricoltori possono sentirsi di nuovo legittimati a operare seguendo le norme e il buon senso, come hanno sempre fatto – ha chiarito –. Ci sono delle autorizzazioni rilasciate dai ministeri e dalle istituzioni europee e a quelle dobbiamo rifarci. Se qualcosa va cambiato serve un confronto tra i portatori di interesse. Ciò che ci interessa – ha precisato Zampa – è poter continuare a lavorare con serenità, senza il timore di essere colpiti dalla magistratura per aver agito in buona fede. Gli agricoltori traggono il proprio sostentamento dall’ambiente, quindi è impensabile che agiscano in maniera volontaria per comprometterlo. Ogni coltivatore lavora con competenza e cognizione di causa».

L'INCHIESTA SULLA MORIA DELLE API, LE TAPPE DELLA VICENDA



L’imprenditore di Pagnacco non si nasconde, però, dietro a un dito: «Se ci sono responsabilità per azioni improprie da parte di qualcuno – ha evidenziato – queste vanno isolate e punite, ma senza sparare nel mucchio e gettare il dito contro un’intera categoria».

Ad amareggiare di più gli operatori è stato il fatto che si è voluto colpire l’ultimo anello della catena, cioè gli agricoltori che utilizzano le sementi conciate da grandi gruppi economici e immessi sul mercato dopo autorizzazioni arrivate da Roma e Bruxelles.

I commenti dei lettori