Caro benzina, in Carinzia risparmi fino a 50 centesimi

Lunghe attese per il rifornimento a Villaco e Arnoldstein. I clienti arrivano da tutto il Fvg, non solo dal Tarvisiano

TARVISIO. La “forbice” può arrivare a toccare quasi 50 centesimi per il diesel, anche di più per la benzina. Il tutto, in una manciata di chilometri. Mentre il prezzo del carburante in Italia, complici i ponti festivi, galoppa e in autostrada ha superato i 2 euro al litro per la “verde”, nei Paesi vicini il pieno resta più conveniente.

Lo abbiamo appurato nel nostro viaggio per le stazioni di servizio di Tarvisio, Austria e Slovenia. Nel capoluogo della Valcanale l’unica attività che offre il “servito” è la Agip Eni. Chiusa il 25 aprile, a causa della giornata festiva, nella sua colonnina i prezzi parlano di 1,68 euro per il gasolio e quasi 1,78 per la super.

È bene ricordare che a questi prezzi va sottratto quanto previsto dalla legge regionale che regolamenta gli sconti carburante: in zona 1 (quella che riguarda i cittadini tarvisiani) i titolari di card regionale hanno diritto a una riduzione di 21 centesimi per la benzina e 14 per il diesel.

A poche centinaia di metri di distanza c’è la Esso: dal 2018 è attivo unicamente il self service. I prezzi cambiano di poco: 1,65 per il diesel, circa 1,74 per la benzina.

A una trentina di chilometri si trova una vera oasi di convenienza. A offrirla è il distributore comunale di Villach, in territorio austriaco: qui per un litro di gasolio sono sufficienti 1,156 euro, mentre per la super si passa a 1,20. Prezzi lontani anni luce da quelli di casa nostra.

Le auto con targa italiana sono poche, ma c’è anche chi, da Resia, trovandosi in zona ne ha approfittato per fare carburante. «Nelle giornate festive del vostro Paese – ci conferma l’addetta all’incasso – da noi passano molti automobilisti, da tutto il Friuli».

L’attesa alle pompe, alle 11 di giovedì 25, era di circa un quarto d’ora, a testimonianza dell'affollamento. Importi contenuti anche al distributore Maurer di Arnoldstein: verso le 12 il costo di un litro di gasolio era di 1,27 euro, mentre per la benzina sale a 1,33. Qui, le auto provenienti da suolo italiano erano la maggioranza.

«Gli italiani hanno approfittato di questa giornata di festa per raggiungere l’Austria e passare da noi per rifornirsi – racconta l’addetto –. I clienti arrivano da tutto il Friuli Venezia Giulia, ma ho sentito anche accenti del Sud».

Lo conferma anche Mary, signora di Artegna: «Una volta al mese faccio una gita in Austria assieme alla famiglia e ne approfitto per fare il pieno. Uso l’auto per lavoro e quindi è conveniente. Certo, faccio gasolio anche in Italia, ma da Maurer costa meno».

In Slovenia, poco dopo le 12.30 di giovedì al distributore Petrol di Kranjska Gora non c’erano molte auto ferme alle pompe. Tuttavia, anche qui l’importo è basso: un litro di gasolio costa 1,28 euro, la super 1,34.

Leggermente più che in Carinzia, ma c’è chi ottimizza per fare altri acquisti: «Vengo qui spesso per il pieno – ci confida un italiano che lavora nel Tarvisiano – perché ne approfitto anche per comprare le sigarette, dato che costano molto meno rispetto all’Italia». La vicinanza anche del Duty Free Shop, subito dopo il confine di Fusine, è un altro elemento di attrattività. —


 

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi