Contenuto riservato agli abbonati

Risparmio tradito, tanti documenti e scadenze rigide: ecco come fare per riavere i soldi

Dal 26 luglio si potrà fare la domanda sul sito Consap. Rimborsi prioritari per chi vanta crediti fino a 50 mila euro

UDINE. Il fiato resta sospeso. Finché il decreto Crescita non sarà convertito in legge non vi sarà certezza d’indennizzo per i risparmiatori che nei crac di Veneto Banca e Popolare di Vicenza hanno visto andare in fumo i risparmi di una vita. Sono 15 mila quelli che in Friuli Venezia Giulia avevano acquistato azioni od obbligazioni subordinate e che oggi, dopo 4 anni di lunghe battaglie, possono finalmente sperare di vedersi restituito il 30% del valore d’acquisto delle azioni, entro il limite massimo di 100 mila euro ciascuno, tetto che vale anche nel caso delle obbligazioni subordinate il cui indennizzo sale però fino al 95%.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi