Rapina in gioielleria, fermati i quattro responsabili: erano fuggiti sparando in mezzo alla gente

È successo questa mattina, sabato 20 luglio, in via Mercerie, all'incrocio con via Mercatovecchio alla gioielleria Italico Ronzoni. Andrea Gremese e alcuni clienti del Contarena hanno provato a fermarli ma senza successo. Coinvolta anche una terza persona

Rapina e sparatoria a Udine, le immagini esclusive della fuga dei ladri e dell'inseguimento

CHE COSA SAPPIAMO DELLA SPARATORIA A UDINE:

  • Due uomini con il volto scoperto sono entrati nella gioielleria Italico Ronzoni, in via Mercerie a Udine.
  • Hanno puntato la pistola contro il titolare e il fratello, spaccato una vetrina e portato via alcuni orologi
  • Azionato il fumogeno, i malviventi sono scappati. Nella fuga uno dei due ha colpito Andrea Gremese, titolare della rivendita
  • Uno dei rapinatori è fuggito lungo la galleria del Contarena inseguito dal gioielliere e da un cliente del Contarena
  • Il rapinatore ha iniziato a sparare, fortunatamente senza ferire nessuno
  • Gremese ha inseguito i ladri fino a piazza Duomo dove i due sono saliti in un'auto
  • Coinvolta una terza persona, la cui posizione è al vaglio delle forze dell'ordine
  • Fermati i responsabili della rapina

Rapinano il gioielliere poi scappano sparando in pieno centro a Udine: le prime immagini

UDINE. Sono stati fermati tutti e quattro i responsabili della sparatoria in pieno centro a Udine. Due uomini a volto scoperto sono entrati in una gioielleria Italico Ronzoni in via Mercerie, all'incrocio con via Mercatovecchio. È successo questa mattina, sabato 20 luglio, intorno alle 9.30. Coinvolta una terza persona che era all'esterno dell'esercizio e una quarta che aspettava i ladri in auto. Sul posto la polizia, i carabinieri e i vigili del fuoco.


I due malviventi sono entrati nella gioielleria di via Mercerie e, dopo hanno rapinato Andrea Gremese e suo fratello Paolo, titolari della Italico Ronzoni, hanno puntato la pistola alla testa del commerciante. 

Sparatoria a Udine, lo sfogo del gioielliere: "Ho provato a fermarli mentre fuggivano, ne ho bloccato uno"



I titolari hanno attivato un fumogeno di difesa e nella confusione i ladri hanno spaccato una vetrina e portato via alcuni orologi. Il bottino della refurtiva è ancora da quantificare. Sono poi scappati. Il gioielliere è subito corso all'esterno e ha cercato di inseguirli e chiedere aiuto.

I rapinatori hanno percorso la galleria del Contarena dove alcuni clienti del bar hanno provato a raggiungerli e a bloccarli ma senza successo.

I malviventi hanno sparato diversi colpi, fortunatamente senza ferire nessuno. Raggiunta piazza Duomo sono saliti su una Bmw scura e sono scappati.

Il gioielliere è poi tornato indietro e ha fermato una terza persona che ha poi consegnato alle forze dell'ordine. Saranno loro a verificare il coinvolgimento del terzo uomo. "L'avevo visto che si aggirava con fare sospetto davanti alla gioielleria ieri - ha raccontato Andrea Gremese -. Ho mandato una foto alla polizia. E oggi era qui davanti a fare il palo". Gremese ha inseguito i ladri fino a piazza Duomo dove i due sono saliti su un'auto e fuggiti.

Sparatoria in pieno centro a Udine, il racconto di un testimone: "Erano a volto scoperto"



Secondo un testimone che ha visto la scena, i rapinatori hanno agito a volto scoperto: "Sono scappati inseguiti dal titolare che urlava 'al ladro' - ha raccontato Marco Feruglio. Erano due uomini bianchi, dalla corporatura normale. Arrivavano dall'angolo e sono fuggiti". È la terza volta che la gioielleria Italico Ronzoni viene presa di mira dai ladri.

Sparatoria in via Mercatovecchio, Gremese: "Ecco come è andata nella gioielleria"


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Azovstal: l'"ultima sigaretta" del soldato fra le bombe è il simbolo della fine della battaglia

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi