In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Banche e rimborsi: le prime pratiche saranno inviate nei prossimi giorni, ma il sistema è in tilt

Udine, negli orari di ufficio quasi impossibile accedere a Consap. Non è stato previsto il massiccio afflusso di richieste

2 minuti di lettura

UDINE. Da giovedì scorso, 22 agosto, è dunque operativo il Fondo indennizzo risparmiatori truffati dopo 14 mesi dalla promessa dell’ex premier Giuseppe Conte, la prima dichiarazione di Conte in assoluto, quando ancora non gli era stato ufficialmente conferito l’incarico. Il portale fondoindennizzorisparmiatori.consap.it è a regime.

Alcuni risparmiatori hanno iniziato a inserire le loro domande (dal Friuli Venezia Giulia solo qualche singolo privato, non comunque tramite le principali associazioni del territorio), a caricare gli allegati per ottenere l’indennizzo previsto.

Il Fir, con una dotazione da 1,5 miliardi di euro, rimborserà in maniera automatica tutti i risparmiatori con un reddito annuo inferiore ai 35 mila euro e un patrimonio mobiliare fino ai 100 mila euro.

Per gli altri ci sarà una Commissione che valuterà le domande entro i prossimi sei mesi (i 180 giorni sono scattati appunto da giovedì). Agli aventi diritto andrà indennizzato il 30% del valore di acquisto delle azioni e il 95% delle obbligazioni fino a un massimo di 100 mila euro.

Si tratta certamente di tanti soldi sui quali ora si è fissata l’attenzione di tanti professionisti.. Ma il portale Consap è subito andato in tilt per i troppi accessi.

«Il portale si “impalla” spesso - conferma Erica Cuccu, presidente di Federconsumatori Udine -, negli orari di ufficio ci sono difficoltà anche per la sola procedura di registrazione, che può richiedere fino a un’ora di tempo. Ci si deve collegare in tarda serata, così ci sono più speranze. Il lavoro che sarà da fare, da parte nostra, è imponente».

«La verifica, che abbiamo immediatamente avviato, circa la funzionalità di accesso al portale, ha comportato alcune sgradite sorprese - si legge inoltre in una nota di Federconsumatori - . In primo luogo, la lentezza e le continue interruzioni, verosimilmente dovute alla inadeguata previsione di una massiccia e contemporanea richiesta di accesso alla piattaforma da parte dei risparmiatori.

Tale entità di accesso alla piattaforma informatica non è stata correttamente stimata e ha dato quindi luogo a una inadeguata strutturazione della piattaforma. In secondo luogo, la compilazione della domanda comporta l’inserimento di dati che in alcuni casi non sono reperibili tra quelli che si possono ricavare dalla documentazione richiesta.

Questo “inconveniente” assume particolare rilevanza per documentare gli acquisti azionari più lontani nel tempo: nella nostra Regione quelli effettuati presso la Banca Popolare Udinese poi incorporata nella Banca Popolare di Vicenza.

La difficoltà del riscontro documentale può comportare l’impossibilità di portare a termine l’inserimento della domanda oppure il rischio di inserimento di dati non certificati che potrebbero portare a difficoltà nell’accoglimento delle domande.

In terzo luogo, dobbiamo rilevare che viene richiesta nuova documentazione rispetto a quella originariamente prevista costringendo quindi i risparmiatori a una nuova e estenuante richiesta di documenti. Il complesso di tali “inconvenienti” può anche legittimare il sospetto che si vogliano creare difficoltà aggiuntive, senza assumersene la responsabilità, per l’accesso ai sospirati, e sia pur parziali, risarcimenti.

Federconsumatori chiederà un incontro con la Commissione tecnica per segnalare tutti gli inconvenienti registrati e chiedere che venga posto rimedio all’incompetenza tecnico informatica e all’accanimento burocratico che caratterizzano l’avvio della piattaforma, unico possibile canale di presentazione delle domande».

Anche Consumatori attivi e Mdc, che sono alle prese con gli stessi problemi, cominceranno dalle prossime settimane a “caricare” le domande sul portale.

Tutti dovranno stare attentissimi alla congruità formale della domanda e degli allegati, altrimenti il rimborso rischia di saltare. In regione (soprattutto nelle province di Udine e Pordenone) sono circa 15 mila gli ex soci di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca che potenzialmente hanno diritto all’indennizzo.

Al Fir possono accedere anche i truffati delle quattro banche dell’Italia centrale (Etruria, CariChieti, Marche e CariFerrara) che andarono in risoluzione nell’autunno del 2015. BpVi e Vb sono state invece messe in liquidazione nell’estate del 2017. —

M.CE.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

I commenti dei lettori