In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

L’omaggio di Lignano alla Julia, migliaia di persone presenti alla parata

Le penne nere sono sfilate da piazza Abbazia a Terrazza a mare. La cerimonia ufficiale in municipio per i 70 anni dalla costituzione della Brigata

2 minuti di lettura

LIGNANO. Gli alpini hanno festeggiato al mare: l'attesa sfilata per le vie del centro di Lignano Sabbiadoro ha concluso, domenica mattina, 1 settembre, la tre giorni densa di eventi pianificata per celebrare il 70esimo anniversario della ricostituzione della Brigata alpina "Julia". Secondo i dati dell'Associazione nazionale alpini, sono oltre 5 mila le penne nere che hanno gremito il carosello fronte Alto Adriatico, e si si stima che siano stati oltre 15 mila gli altri alpini presenti.

«Qui a Lignano l'accoglienza è stata calorosa. Abbiamo scelto questa città per dimostrare una sempre maggiore apertura. In più, già quattro anni fa sempre qui si è svolto il raduno del Terzo Reggimento Artiglieria da montagna e l'organizzazione è stata perfetta, anche se complessa, sia per la sicurezza che per il sistema di eventi del calendario lignanese" ha detto il generale Alberto Vezzoli, che da novembre comanda la Julia.

Con tanto di Labaro dell'Ana, lo sfilamento ha fatto da epilogo alla kermesse di eventi - inaugurata già mercoledì con la "Mostra statica" - organizzata dalla Brigata alpina "Julia", dalla sezione Ana di Udine con il presidente Dante Soravito de Franceschi e dagli alpini di Lignano con il capogruppo Ermanno Benvenuto, in collaborazione con l'Esercito italiano e con la città marittima.Comandato dal capitano Silvia Natalia, un reparto di formazione composto da alpini, artiglieri, cavalieri, genieri, logisti e trasmettitori, appartenenti ai diversi reggimenti, hanno proseguito la Fanfara.

Il vecchio alpino ricorda la costituzione della Julia

A seguire, nella sfilata, i già comandanti della Julia e il Comando della Brigata con, in testa, Vezzoli, che in questi giorni è impegnato anche per Strade sicure. «Sono mille gli uomini impegnati su Roma per l'operazione Strade sicure, che si concluderà il 15 dicembre. Siamo già stati in altre piazze come Milano e Trieste, ma se ci chiamassero saremmo pronti ad andare ovunque, anche in Sicilia» ha detto il colonnello Giuseppe Russo.

Caso unico in Italia di brigata multinazionale permanente, ieri non sono mancati gli ufficiali e sottufficiali ungheresi e sloveni che lavorano nel Comando della Julia formando la "Multinational Land Force". In coda hanno sfilato anche i "veci" dell'Ana, divisi per Reggimenti, Battaglioni, Gruppi e Compagnie autonome, davanti ai quali c'erano molti ufficiali ancora in servizio. «Siamo contenti e soddisfatti della riuscita della iniziativa, che non è solo una mera manifestazione di circostanza - ha detto il sindaco Luca Fanotto, presente in tribuna con numerose altre autorità militari e civili -. Nella nostra società emerge chiaro il bisogno di aggrapparsi a valori ben rappresentati dalla Julia».

[[(MediaPublishingQueue2014v1) La Julia celebra i suoi 70 anni a Lignano]]

E Gianfranco Rossi, comandante della Julia in occasione del 60esimo anniversario della Brigata celebrato a Udine, ha concluso: «Anche se il luogo ha sfumature diverse, gli ingredienti fondamentali sono sempre gli stessi: la Julia anzitutto è un sistema di istituzione e sentimenti locali perfettamente amalgamati. In più, la nostra Brigata alpina è un connubio di tradizione e scuola, che viene tramandato dai più anziani ai più giovani, che sono sempre numerosi».

 

I commenti dei lettori