Maltempo, fulmine colpisce il tetto di una casa e provoca un incendio: alberi caduti e treni soppressi

Una macchina bloccata nel sottopasso nella zona del cimitero di Latisana: tra le due immagini si vede come l'acqua sia cresciuta in poco tempo fino a sommergere quasi del tutto il veicolo

Colpita tutta la regione, soprattutto la zona della Bassa. Temporali anche su Udine e hinterland. Disagi sulle linee ferroviarie Casarsa-Codroipo e sulla Sacile-Gemona

UDINE. Vie come fiumi, sottopassi allagati, scariche elettriche che hanno colpito abitazioni, alberi e ramaglie lungo le strade: è il risultato del maltempo che domenica, in particolare dalle 15, si è abbattuto in Friuli. La zona che ne ha fatto maggiormente le spese è stata la Bassa friulana, ma disagi ci sono stati anche nel Medio Friuli e nell'Udinese.

Il peggiormento delle condizioni meteo ha anche imposto l'annullamento di importanti manifestazioni. A Palmanova, infatti, è saltato l'evento clou della rievocazione storica napoleonica, previsto per le 15, proprio nel momento in cui è stato registrato il grosso del nubifragio. Annullato anche il Palio dei borghi di Fagagna.

Maltempo, forti temporali su Latisana: le strade come fiumi

La situazione a Udine e hinterland.

I forti temporali hanno colpito anche Udine e l'hinterland, con numerosi allagamenti e strade come fiumi. In città un fulmine ha colpito il tetto di un'abitazione in via Tiepolo. Tanti i disagi al traffico, soprattutto nel primo pomeriggio quando le precipitazioni si sono intensificate

Via Selvuzzis, Udine

La situazione in provincia di Udine.

A Latisana, le vie Egregis Gaspari, Tisanella e Sottopovolo sono state completamente allagate: l'acqua aveva raggiunto una quindicina di centimetri, superando i marciapedi.

A Latisanotta, invece, i vigili del fuoco hanno lavorato per liberare un'auto bloccata in mezzo metro d'acqua con una persona all'interno dell'abitacolo. Sono intervenuti anche a Paludo, dove una vettura è stata completamente sommersa dall'acqua nel sottopasso: il conducente era riuscito a uscire dall'auto appena in tempo. E richieste sono arrivate anche per disagi in zona Tempio.

A Orsaria i vigili del fuoco sono intervenuti per mettere in salvo tre anziani dopo che un fulmine è caduto sulla loro abitazione che ora è inagibile.

Sulla ex provinciale per Taipana si è staccato un masso ed è precipitato in strada, rimosso poi poco dopo dalla Protezione civile di Nimis.

A Rivignano allagata e chiusa via Falduz, a lavoro la Protezione civile. Sott'acqua anche alcuni scantinati e via Varmo. Chiuso il sottopasso di Rivarotta, realizzato per i lavori dell'A4. 

La situazione a Pordenone e in provincia

Disagi per i viaggiatori su rotaia nelle tratte da Casarsa della Delizia a Codroipo e da Gemona a Sacile. A causa del maltempo, probabilmente di un fulmine, la stazione di Codroipo si è disconnessa dal telecomando azionato dal posto centrale di Mestre. Il guasto ha comportato forti ritardi e cancellazioni di treni, sostituiti con i bus.

Gli scrosci temporaleschi si sono concentrati nel Friuli occidentale nella tarda mattinata di ieri, intorno alle 11.30. Strade sommerse, come a Villotta di Chions, alberi caduti e case invase dall’acqua sono state segnalate dalla Protezione civile a Sesto al Reghena e a Cordovado (un’abitazione allagata in via Teglio). Invaso dall’acqua pure l’accesso pedonale al multipiano Candiani a Pordenone, molto utilizzato da chi si reca in stazione. Nessun intervento per i vigili del fuoco del comando di Pordenone.

Problemi con il segnale Rai. Durante il forte temporale, dalle 11 sono sparite dagli schermi televisivi, per un guasto ai ripetitori di Castaldia, a Piancavallo, le trasmissioni di tutti i canali Rai. Il fenomeno ha investito il Pordenonese, dalla fascia Pedemontana al capoluogo.

Tantissimi abbonati sono rimasti privi per ore di tutte le trasmissioni Rai e, in serata, non hanno potuto vedere in particolare la partita della Nazionale di calcio di Mancini contro la Finlandia. Molti utenti si sono affrettati a segnalare i guasti ai numeri di Rai Way e tante, a mano a mano che le ore passavano e il segnale non tornava, le telefonate di protesta giunte anche in redazione. Ieri sera, fino all’ora in cui scriviamo, il disservizio permaneva. Digitando i vari canali Rai compariva solo la scritta “Segnale debole o assente”.

Le difficoltà a ricevere i segnali Rai per i diversi canali del digitale terrestre si sono manifestate anche nel recente passato, soprattutto nei centri della fascia Pedemontana e per gli utenti non è facile ottenere spiegazioni sui motivi dei disservizi.

Il pellegrinaggio a Castelmonte. La pioggia scrosciante non è riuscita a ostacolare il tradizionale pellegrinaggio diocesano al santuario di Castelmonte nella ricorrenza religiosa dell'8 settembre, in cui la chiesa celebra la Natività di Maria. Una cinquantina di persone hanno voluto affrontare comunque a piedi, sotto gli incessanti rovesci, i 7 km della salita verso il luogo di culto.

Ombrelli e impermeabili, i fedeli sfidano il maltempo per salire in pellegrinaggio a Castelmonte

Altre centinaia di fedeli sono confluiti in chiesa, dove causa meteo è stata celebrata la messa, usualmente officiata nel piazzale sottostante il santuario. Un sentito momento di fede, particolarmente caro alla gente friulana, che in questa occasione rinnova anche il ricordo del terremoto del '76, a seguito del quale fu istituito il pellegrinaggio.

Le temperature. Domenica 8 settembre, a mezzogiorno la colonnina di mercurio segnava a Pordenone 17,1 gradi centigradi, a Udine 18,6, a Gorizia 20,3 e a Trieste 21,4. In generale, lungo la costa, le temperature hanno oscillato tra i 20 e i 23 gradi (la temperatura del mare, alle 12, era sui 23 gradi).

Le previsioni per i prossimi giorni. Nelle prossime ore e nel corso della giornata sono ancora previste piogge e temperature fresche. Domani, lunedì 9, si tornerà sopra i 20 gradi, ma saranno ancora giornate fresche. Da martedì 10 le massime aumenteranno sui 25 gradi perché – spiegano sempre i previsori dell’Osmer Arpa – l’anticiclone delle Azzorre ricomincerà a espandersi sul centro Europa. Tra giovedì 12 e venerdì 13 in regione si tornerà a sfiorare i 30 gradi in pianura, sulla costa, invece, le temperature saranno inferiori per la presenza della brezza.

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi