In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Da “Trieste è nostra” a “ridateci Caporetto”: la questione slovena fa ancora discutere

Polemica tra il vicesindaco di Lusevera e un gruppo di studenti. Ma l’Unione economica slovena avverte: indietro non si torna

2 minuti di lettura

Da un lato il cartello “Trst je naš” “Trieste è nostra” esposto da un gruppo di studenti sloveni sul parabrezza del pullman che li ha condotti a Gorizia, dall’altro il post su Facebook del vicesindaco di Lusevera, Mauro Pinosa: «Mi piacerebbe tanto che Caporetto, Plezzo, l’Istria e la Dalmazia tornassero all’Italia».

Nell’alta Val Torre si riapre la questione slovena con Pinosa che parla di «slovenizzazione della valle» e boccia l’apertura dello sportello linguistico sloveno: «Previsto dalla legge di tutela della minoranza slovena, costa 43 mila euro l’anno. Non capisco a chi serva visto che qui parlano tutti italiano e friulano. La Regione – aggiunge Pinosa – potrebbe trasferire questi soldi al Comune per assumere un tecnico che manca da tempo».

Apriti cielo. Quella che potrebbe essere stata solo una ragazzata, come auspicano in molti tra cui il deputato Roberto Novelli, rischia di far riemergere vecchie ruggini nell’alta valle del Torre. «Se gli Sloveni rivogliono Trieste noi chiediamo che Caporetto, Plezzo, l’Istria e la Dalmazia tornino italiani» tuona Pinosa non senza precisare: «È notorio che non sono contro gli sloveni con i quali auspico maggior collaborazione, bensì contro quelli che si dichiarano minoranza slovena e non lo sono affatto».

Che si tratti di una questione delicata è fuori dubbio anche perché se da un lato la comunità slovena gestisce lo sportello linguistico istituito dalla legge regionale che obbliga a tradurre i documenti in sloveno, dall’altro è altrettanto vero che i comuni, compreso quello di Lusevera, scontano da tempo la carenza di personale. «Sono pronto a lavorare con tutti purché – chiarisce Pinosa – si guardi all’obiettivo comune».

Una cosa è certa: il botta e risposta continua a riecheggerà nell’alta val Torre tant’è che da Trieste prende posizione l’Unione economica culturale slovena. Il segretario Livio Semolic, porta la questione sui binari culturali per evitare che si riaccenda la miccia innescata, nella Giornata del ricordo, dall’allora presidente dell’Europarlamento, Antonio Tajani, esaltando «l’Istria italiana» e la «Dalmazia italiana».

In quell’occasione Tajani venne accusato di revisionismo storico. «Non si può parlare di ritorno dei territori all’Italia, non si può tornare a un passato conflittuale che ha generato una tragedia in questa zona di confine. Riteniamo – insiste Semolic – che questa questione debba essere lasciata al passato proprio perché ha provocato tragedia sia agli italiani che agli sloveni».

Secondo l’Unione economica culturale slovena oggi non ha alcun senso parlare di ritorno al passato proprio perché «l’ingresso in Europa, con la caduta dei confini, è avvenuta in un clima di collaborazione e condivisione e questa è la prospettiva che dobbiamo lasciare ai nostri giovani». Semolic, non a caso, fa notare al vicesindaco di Lusevera «la differenza tra la realtà culturale dell’Istria e della Dalmazia dove c’era una comunità italiana e Caporetto e Plezzo città slovene nella cultura e nella lingua».


 

I commenti dei lettori