In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Caso autostazione, Dri rimossa da capogruppo di Tarcento futura

Il vicesindaco Toso: decisione presa insieme. Al suo posto Laura Degano. Critiche dall’opposizione

1 minuto di lettura



All’indomani del voto a sostegno delle opposizioni in commissione urbanistica, che chiedevano il rinvio della discussione sulla variante 40 al piano regolatore (contenente il progetto per l’autostazione nell’area di piazza Libertà), Nadia Dri non è più capogruppo di Tarcento futura.

Dri aveva assunto il ruolo di capogruppo dopo le dimissioni di Luca Paoloni, quando quest’ultimo ha corso per le comunali della scorsa primavera a Lusevera, dove è attualmente sindaco. Al suo posto in consiglio era subentrata Laura Degano, la prima dei non eletti della lista Tarcento futura, ed è proprio lei che è diventata ieri il nuovo capogruppo.

In consiglio comunale il gruppo di Tarcento futura è composto dal vicesindaco Luca Toso e dai consiglieri Nadia Dri e Laura Degano: «La consigliera Dri – spiega Toso – ha fatto un passo indietro e d’accordo abbiamo presentato la nomina di Laura Degano. La nomina vede come prima firmataria proprio Nadia Dri».

Questa la spiegazione ufficiale del gruppo di maggioranza, che tuttavia non frena gli interventi delle opposizioni: «La consigliera Dri – dice Riccardo Prisciano (Fdi) – ha subito un’autentica punizione politica solo perché ha chiesto i documenti mancanti, ma imprescindibili per poter votare con cognizione di causa un argomento estremamente importante per Tarcento e i tarcentini. Non credo si possa punire un consigliere comunale solto perché chiede documenti».

«Esprimo solidarietà a Nadia Dri – dice Walter Tomada (Patto per l’autonomia) –, verso la quale è stato usato un metodo barbaro per risolvere le contraddizioni interne alla maggioranza. Oggi si rimuove Dri, domani si farà lo stesso con tutti quei cittadini che sono contrari a determinati progetti?». Solidarietà alla ex capogruppo di Tarcento futura arriva anche da Carlo Toniutti del Pd, mentre così si esprime Mario Pagnutti (Vivere Tarcento): «Tutto questo – afferma – è solo il frutto di una ostinazione, pur di andare avanti con un progetto si calpestano gli amici».

Intanto, sul voto in commissione di lunedì è intervenuto il presidente della stessa, Giovanni Campaner: «La motivazione palesemente fuorviante e in malafede addottata dalla minoranza relativa alle carte mancanti non è vera: in quel tipo di commissione ove si esaminano le opposizioni/osservazioni, i vari casi sono analizzati sul momento senza nessuna decisione presa a priori dalla maggioranza e così si è sempre fatto».

«Vorrei ribadire – aggiunge Campaner – al consigliere Pagnutti, ma posso capire che a monte ci sia l’intenzione di bloccare i lavori come loro abitudine, che così facendo si vanno a danneggiare le esigenze di tanti privati che da questa variante aspettavano risposte da parecchi anni. Ancora meno accetto l’affermazione del consigliere Prisciano, il primo dilettante allo sbaraglio è lui probabilmente in ragione del fatto che non sa neanche leggere l’ordine del giorno». —



I commenti dei lettori