In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Viene accusato dalla moglie e dalla figlia di molestie e violenza, ma è una bugia: assolto

Tutti episodi privi di riscontri e, quindi, di elementi sfavorevoli all’imputato, a dire dei legali, che nell’argomentare la difesa avevano contestato sia le testimonianze rese dalla minorenne e da sua madre, sia la vaghezza del capo d’imputazione

2 minuti di lettura

Non era vero niente. La ragazzina si era inventata tutto e sua madre le era andata dietro, mettendolo in un mare di guai: accusato di maltrattameni sulla figlia e la moglie e, verso quest’ultima, anche di violenza sessuale in almeno cinque anni di matrimonio, un 47enne originario dell’Est Europa e residente in città aveva assistito impotente allo sfascio della propria famiglia e patito il travaglio di un procedimento giudiziario lungo e doloroso. Ma lui, che sapeva di essere innocente e che per questo ha sempre presenziato alle udienze del processo, ieri è finalmente uscito dal tribunale con il sorriso sulle labbra. «Mi sono tolto un bel macigno», ha detto ai suoi avvocati, dopo che il collegio giudicante lo ha dichiarato assolto.

«Il fatto non sussiste», ha scandito il presidente Paolo Alessio Vernì (a latere, le colleghe Carlotta Silva e Giulia Pussini). Tutt’altra la conclusione della Procura, che aveva chiesto la sua condanna a 6 anni di reclusione. Nel procedimento, peraltro, madre e figlia, che da tempo sono tornate a vivere con lui, non si erano costituite parte civile. Massima soddisfazione è stata espressa dai difensori, gli avvocati Daniele Vidal e Monica Lauzzana, convinti fin dalle prime battute dell’inchiesta, coordinata dal pm Annunziata Puglia, dell’estraneità del proprio assistito ai fatti in contestazione.

Tutti episodi privi di riscontri e, quindi, di elementi sfavorevoli all’imputato, a dire dei legali, che nell’argomentare la difesa avevano contestato sia le testimonianze rese dalla minorenne e da sua madre, sia la vaghezza del capo d’imputazione. «Non è mai stato chiarito né dove, né quando sarebbe avvenuta la violenza sessuale – ha detto l’avvocato Vidal –. Nel capo d’imputazione ci si limita a indicare un arco temporale compreso tra il 2005 e il 2010, pure a fronte del ridimensionamento dei fatti suggerito dalla stessa parte offesa, che già in fase d’indagini aveva parlato di una sola, per quanto fumosa, circostanza». Da qui, anche i dubbi circa la procedibilità dell’azione penale, considerato che la querela va presentata entro sei mesi dall’accadimento.

Era stata una segnalazione della ragazzina al servizio di ascolto della scuola a mettere in moto la macchina giudiziaria. Approdato prima sui tavoli del tribunale dei minori di Trieste e poi anche su quelli della Procura friulana, il caso aveva determinato l’allontanamento immediato della figlia e dei suoi fratelli dal padre. Un inferno che l’uomo aveva affrontato con coraggio e che si era concluso positivamente già davanti alla magistratura minorile, con il riconoscimento di comportamenti scevri da pericoli per la crescita e l’educazione dei figli. «Non vedeva l’ora che la famiglia tornasse a casa – ha ricordato l’avvocato Vidal – e adesso che la sua credibilità è stata ristabilita siamo doppiamente lieti per lui».

A monte della montagna di bugie raccontate sul conto del padre, secondo la difesa, la paura di essere spedita a studiare nel Paese d’origine, se non avesse migliorato il proprio rendimento scolastico. Perché del «clima di avvilimento, timore e sofferenza» prospettato dalla Procura, l’istruttoria dibattimentale non ha prodotto alcuna traccia. —
 

I commenti dei lettori