Nasce il gruppo "Le sardine Fvg": migliaia di adesioni in poche ore

Udine, un tamtam incessante sta coinvolgendo gli “anti-Salvini”, e non solo, pronti a scendere in piazza per protestare pacificamente come sta accadendo in diverse città italiane. La replica di Fedriga: "Non è un movimento spontaneo"

UDINE. Arriva anche in Friuli Venezia Giulia il movimento delle “sardine”. Il gruppo Facebook è nato martedì sera, 19 novembre, e in poche ore ha raccolto migliaia di adesioni (alle 9 di mercoledì 20 erano circa 3700), un tamtam incessante che sta coinvolgendo con entusiasmo gli “anti-Salvini”, e non solo, pronti a scendere in piazza per protestare pacificamente come sta accadendo in diverse piazze italiane, sulla scia delle emiliane Bologna e Modena.
 
A fondare il gruppo “Le sardine Fvg” una casalinga residente a Visco, Norina Tiussi, 56 anni. “Voglio lasciare ai miei figli e ai nipoti un’Italia migliore”, questa la sua motivazione. Donna dai molteplici interessi, quando ha visto che l’onda della protesta dilagava non ha perso tempo e, assieme a un’amica, ha deciso di creare il gruppo: “Quando posso fare qualcosa non aspetto che lo facciano gli altri”.
 
Già tantissimi i commenti, soprattutto riguardo la location che dovrebbe accogliere il popolo delle "sardine". La piazza più votata è Trieste, bella e suggestiva, ma per molti scomoda da raggiungere; tanti tifano per Palmanova o anche per la leghista Monfalcone. Resta da vedere chi organizzerà l’evento. Data papabile 30 novembre o 1 dicembre.
 
Fedriga: "Non è un movimento spontaneo". «Una sardina in meno è un pezzetto di libertà in più». Lo dichiara il presidente leghista del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, via Facebook. «In quale Paese - aggiunge - vengono fatte manifestazioni di piazza contro l’opposizione, per impedirle di parlare? Socci dice che di solito questo avviene nei regimi». Per Fedriga sono anche iniziative «pompate dai grandi mezzi di comunicazione» e «non è vero che sono manifestazioni spontanee».
Fedriga afferma che uno dei leader delle sardine «collabora con un giornale il cui garante è Romano Prodi. È legittimo che ci si impegni in politica - ha concluso - ma si dica la verità: non è un movimento spontaneo».
 
Fedriga ha aggiunto: «C'è qualcosa che nel movimento delle sardine mi fa arrabbiare: è quando uno dei leader dice "basta slogan su Bibbiano". Io invece dico: basta abusi sui bambini. Vergognatevi, altro che basta slogan su Bibbiano, che è una vergogna nazionale. Voglio ringraziare la magistratura per l'inchiesta "Angeli e demoni". Noi in Fvg abbiamo disposto risorse per proteggere i bambini.»

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi