Uccise la sua fidanzata di 21 anni, ecco perché Mazzega era agli arresti domiciliari

Il 37enne, reo confesso per aver ucciso la giovanissima Nadia Orlando, si è tolto la vita nel giardino della sua abitazione dopo la conferma della condanna a 30 anni. Il Tribunale del riesame di Trieste aveva concesso nel 2017 una misura coercitiva più lieve della custodia cautelare in carcere. Nel febbraio 2018 la Cassazione aveva respinto il ricorso della Procura di Udine