In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Cade con lo slittino a Sauris e muore in ospedale: ecco chi era Liliana

Si era diplomata all’Isis di Pordenone a luglio poi aveva trovato un lavoro. La tragedia sabato 30 novembre a Sauris

2 minuti di lettura

PORDENONE. Una tragedia sulla neve appena caduta a Sauris di Sopra: è quella che ha strappato i sogni e le speranze di futuro a Liliana Hryniuk, a 19 anni. Una “morte bianca” è quella di Liliana, che non dà pace agli ex compagni di scuola, agli amici di Pordenone e alla famiglia allargata dell’Isis Zanussi: in luglio si era diplomata nell’indirizzo moda in via Molinari e aveva deciso il suo futuro professionale. «Voglio lavorare – aveva detto Liliana agli amici – e subito».

Un’avventura e un impegno interrotti dall’ala nera del destino: l’hotel Neider a Sauris di Sopra doveva essere la prima tappa di un’esperienza professionale. Invece sulla neve fresca, quel sogno con i mille progetti di una brava ragazza piena di energia, si è infranto in un incidente sullo slittino. «Mille speranze di futuro e poi il vuoto: è quello che ci lascia nel cuore Liliana – dicono addolorati tanti insegnanti nell’Isis Zanussi a Pordenone –. La ricordiamo seria e responsabile nell’affrontare i problemi».

Liliana guardava avanti e dire che «è caro agli dei chi muore giovane», con l’antico Menandro, non consola: la scuola pordenonese è sotto shock. Sono ore di dolore e di commozione per la piccola comunità dello Zanussi: non ci sono parole, dicono i bidelli e insegnanti nei corridoi dell’istituto tecnico-professionale. «Come un fulmine a ciel sereno, ieri è arrivata la notizia drammatica – il dirigente Giovanni Dalla Torre ha dato voce al cordoglio della sua comunità –. La nostra allieva Liliana Hryniuk, diplomata in luglio 2019, è rovinosamente caduta a Sauris e poi è stata ricoverata in rianimazione all’ospedale civile di Udine. Purtroppo Liliana non ha superato la notte ed è deceduta».

Preghiere, mani strette con le altre degli ex compagni di classe per controllare il dolore e lo sgomento. «Liliana aveva recitato nella pièce teatrale di fine anno – la ricordano gli amici in via Molinari –. Interpretava Era, la sovrana dell’Olimpo e vogliamo ricordarla così: seria e impegnata a risolvere i guai della vita». Liliana aveva origini ucraine, era di fede ortodossa e nel Nordest aveva trovato una nuova prospettiva di futuro. «Morire a 19 anni è qualcosa di inenarrabile, non ci sono parole – ha aggiunto il dirigente Dalla Torre –. Lo sconcerto è palpabile a scuola: siamo tutti basiti e ammutoliti. Non si può morire a 19 anni, eppure è accaduto ad una ragazza che tutti noi abbiamo conosciuto e accompagnato in cinque anni di scuola. Ci stringiamo attorno alla famiglia, ai parenti e agli amici che l’hanno amata».

La tragedia ha scosso i ragazzi dell’Isis: gli amici di Liliana hanno fatto la spola all’ospedale di Udine per visitarla, per avere notizie certe, per essere vicini alla mamma che è rimasta sola. «Questi ragazzi e ragazze hanno dimostrato una coralità di sentimenti, di affetti, di tenerezza encomiabili – ha sottolineato il capo d’istituto con lo staff docente –. Un “memento” per Liliana». I ricordi riempiono il vuoto di un dolore sordo. «Per tutti una riflessione – ha proposto Dalla Torre –. Sull’uso del tempo che abbiamo: breve o lunga che sia l’esistenza, tutti siamo chiamati a viverla intensamente. E senza mai sprecare i giorni».


 

I commenti dei lettori