Incendio fra i boschi: sei ettari di terreno distrutti a Pesmolet

Vigili del fuoco, Forestale e Protezione civile al lavoro dal pomeriggio di domenica 5 gennaio a causa di un rogo fra Lauco e Vinaio

LAUCO. Vigili del fuoco, Forestale e Protezione civile al lavoro dal pomeriggio di domenica 5 gennaio a causa di un incendio che sta bruciando un bosco di faggio a Pesmolet, fra Lauco e Vinaio.

L’allarme è scattato verso le 16.30, quando le fiamme sono divampate lungo il versante, sul posto sono intervenute le forze del corpo forestale di Ampezzo, i vigili del fuoco di Tolmezzo, i volontari dell’antincendio boschivo e quelli della Protezione civile di Lauco. Accanto ai volontari è giunto anche il vicesindaco Kascy Cimenti per monitorare la situazione e verificare i rischi per le abitazioni vicine.


L’origine dell’incendio è stata individuata ai bordi di una strada che porta a Dovices, le fiamme si sono estese fino a interessare sei ettari di terreno costituito da erba secca, cespugli e bosco di faggio, in una zona ripida e molto pericolosa. Le operazioni di spegnimento, cui hanno partecipato una ventina di persone, sono proseguite da terra fino alle 19, quando l’intervento è stato sospeso. È ripreso nella mattinata di lunedì 6, anche con l’impiego di un elicottero.

A creare apprensione è la vicinanza dell’abitato di Pesmolet – che sorge a 300 metri di distanza –, ma proprio a questo riguardo, il vicesindaco ha assicurato che non esistono pericoli per le abitazioni vista la presenza di un canalone e la direzione che hanno preso le fiamme. È stato comunque disposto il monitoraggio dell’area per tutta la notte.

Restano da chiarire le cause del rogo: aperte tutte le ipotesi, dalla natura accidentale e quella dolosa. Ciò che è evidente è che le fiamme si sono subito sviluppate facendosi largo fra la vegetazione secca a causa della carenza di precipitazioni.
 

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi