In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Le Frecce tricolori realizzano il sogno di Emanuele che lotta per vivere

Affetto da una malattia rara è in terapia intensiva da 175 giorni. Il padre Andrea: i piloti della Pan sono stati stupendi, grazie

4 minuti di lettura

Anche se non riesce a vedere il cielo, Emanuele Spessotto con l’immaginazione vola tra le nuvole lasciando dietro di sé una scia di speranza spronando così i ricercatori a trovare una cura per combattere la sindrome di Kearns Saye, la malattia rara che a 12 anni gli ha rubato la vista per poi tormentare il suo cuore e quello che ha ricevuto in dono da chi come lui avrebbe voluto vivere.

Emanuele è ricoverato da 175 giorni nel reparto di terapia intensiva e semintensiva dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine, dove, l’altro giorno, ha ricevuto la visita della Pattuglia acrobatica (Pan) e con i piloti delle Frecce tricolore è volato in alto per lanciare un altro accorato appello: «Non lasciatemi solo».

A Emanuele non manca l’affetto dei genitori, Cristina e Andrea Spessotto sono al suo fianco giorno e notte, quello degli amici e del mondo che lo circonda, a Emanuele e a tutti coloro che come lui sono affetti da malattie rare, manca una cura che non possono smettere di chiedere.

E se per farlo diventa necessario rendere pubblica le loro storie, papà Andrea oltre a trasformare il suo profilo Facebook in un libro aperto, è pronto a coinvolgere i mondi cari a Emanuele, quello dell’opera, dell’aeronautica, dello sport e dello spettacolo, pur di far sentire la sua voce.

Ha scritto al comandante della Pan, l’ha invito nel reparto di terapia semintensiva e quando ha ricevuto la conferma mai avrebbe immagino di trovarsi di fonte l’intera pattuglia. Anche questo è sinonimo di vicinanza per chi soffre.

«Il comandante della Pan, Gaetano Farina, assieme ai piloti della pattuglia acrobatica delle Frecce tricolori, tutti in divisa, sono venuti a trovare Emanuele in ospedale e sono riusciti a farlo sentire un piccole eroe» racconta Andrea in uno dei rari momenti in cui riesce a uscire dalla stanza del figlio. Quel figlio che come lui sta vivendo un calvario, «una situazione devastante».

Andrea si commuove, la sua voce si spezza soprattutto quando scrive e racconta l’affetto che Emanuele ogni giorno riceve da dentro e fuori l’ospedale. La visita della Pan è solo l’ennesima dimostrazione di amore verso un ragazzo che non riesce a vedere il sole, che ha subito un trapianto di cuore, che ha superato quattro arresti cardiaci e che non smette di dire «voglio vivere».

Ai piloti della Pan ha teso la mano e con loro ha viaggiato virtualmente a bordo delle Frecce tricolore: «Quando se ne sono andati – rivela il papà – Emanuele ha detto “andremo a trovarli presto e faremo un giro su quell’aereo”. Andrea non sa se potrà esaudire il desiderio del figlio, «il domani – scrive ancora rivolgendosi alla Pan – non lo conosciamo, ma sappiamo che siete stati stupendi. Grazie».

Le parole di Andrea vanno e vengono, trattiene le lacrime, non può permettersi di piangere perché suo figlio non lo fa mai. «In questi 175 interminabili giorni, solo due sere Emanuele si è lasciato sorprendere dalla tristezza che l’ha avvolto soprattutto nella notte di Natale quando ha avvertito l’eco dello scambio d’auguri arrivare dal corridoio».

Il papà ripensa a quei momenti per ricordare a chi leggerà questa storia che «Emanuele ha solo 17 anni, la sua malattia gli ha impedito di immedesimarsi in quello che i suoi coetanei fanno normalmente. Negli ultimi cinque anni la malattia gli impedito di rincorrere il pallone, di salire in sella alla bicicletta», ma non gli ha impedito di ascoltare l’opera: Emanuele ama Rossini come Katia Ricciarelli che alle volte glielo ricorda in un video. Non gli ha impedito di lottare, questo Emanuele lo sa fare senza tanti tecnicismi sorprendendo i medici che dopo ogni attacco stentano a comprendere come quel ragazzo, oggi diciassettenne, possa ancora alzare il pollice per dire «va tutto bene».

Il padre vorrebbe vedere alzare lo stesso pollice per poter dire «va tutto bene grazie a una cura». Vorrebbe archiviare il ricordo del suo peregrinare da un ospedale all’altro, delle diagnosi terribilmente uguali, delle ricadute inattese, dei lunghi e delicati interventi chirurgici a cui è stato sottoposto suo figlio. Tutto è iniziato con una visita oculistica al San Raffaele e poi al Besta di Milano.

Da quel momento la famiglia Spessotto ha intrapreso un viaggio estenuante che spera ancora di poter concludere superando le barriere che neppure la ricerca scientifica è riuscita a scavalcare. Andrea spera che in qualche laboratorio in un luogo lontano qualcuno trovi una via d’uscita: «Le malattie rare sono un mondo sconosciuto. Spesso ci si sente impotenti, inutili, deboli, fragili, impauriti. Non è facile stare vicino a Emanuele, tenergli la mano e non poter fare nulla per aiutarlo, è – ripete – semplicemente devastante». Lo è per tutti anche per i sanitari che ogni giorno non fanno mancare a quel piccolo grande eroe le loro attenzioni.

I genitori di Emanuele vogliono parlarne, sperano di sensibilizzare le case farmaceutiche e le istituzioni affinché investano nella ricerca per arginare la propagazione di una malattia che oggi è rara ma che in futuro potrebbe colpire un maggior numero di persone.

«Non facciamo scivolare Emanuele in un posto buio» scrive ancora Andrea scagliandosi contro «la malattia cattiva, subdola e vigliacca». Il suo messaggio è arrivato alla Fondazione Telethon che ogni anno, con l’aiuto della gente, devolve decine di milioni di euro alla ricerca scientifica per combattere le malattie rare. A Udine una squadra partecipante alla maratona ha indossato la maglietta con il logo “Forza Ema” e chissà che il prossimo anno qualcuno non venga a raccontarci i progressi fatti nel campo della sindrome di Kearns Sayre, la malattia che colpisce i centri energetici delle cellule.

Non è una battaglia impossibile, Emanuele se ne è reso conto e ce la sta mettendo tutta per evitare di dargliela vinta. Lotta come un leone da anni sapendo che ha di fronte un avversario ancora invincibile.

Dal 2015 ha festeggiato diversi compleanni in ospedale, è riuscito a sopravvivere grazie a un trapianto di cuore a cui è stato sottoposto due anni fa. «Non è per niente facile – racconta il padre – accettare da un’altra famiglia in lacrime la speranza: una giovane vita spezzata ingiustamente ha regalato a mio figlio la possibilità di continuare a vivere e questo ci ha dato la forza di affrontare il trapianto».

Fu uno dei primi interventi al mondo effettuati su un paziente affetto dalla sindrome di Kearns Saye. Neppure il decorso si rivelò facile, intervallato da continui controlli, sofferenze lasciava però intravvedere le stelle nel cielo buio della notte. Quelle stesse stelle che Emanuele, l’altro giorno, ha visto brillare a bordo del velivolo della Pan volando sopra le nuvole là dove la speranza non smette mai di esistere.

 

I commenti dei lettori