In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Musa ed ex compagna di Tozzi: la parabola di Serafina Scialò, trovata morta in casa a Udine

Il noto giornalista e critico musicale Mario Luzzatto Fegiz, sul Corriere della Sera, ha ricordato l’amore fra Serafina Scialò e Umberto Tozzi

1 minuto di lettura

UDINE. È arrivato lunedì sera il nulla osta della Procura alla sepoltura di Serafina Scialò, l’ex compagna del cantante Umberto Tozzi trovata morta venerdì pomeriggio, all’età di 63 anni, nel suo appartamento di via Percoto.

A rinvenirne il corpo senza vita erano stati i carabinieri, allertati da una segnalazione dei colleghi dell’educandato Uccellis, dove la donna lavorava come collaboratrice scolastica e da dove mancava dal rientro dalle festività, il 7 gennaio scorso.

Indicata in cause naturali l’origine del decesso – risalente a qualche giorno prima – ed esclusa quindi l’ipotesi che a determinarlo possano essere stati eventi esterni, il pm Andrea Gondolo ha dunque ritenuto il caso chiuso e firmato il via libera alla restituzione della salma alla famiglia. Dall’unione con Tozzi, nel 1983, era nato Nicola Armando, che pure abita in città. La data dei funerali sarà fissata nelle prossime ore.



Il cantante Umberto Tozzi conobbe la giovane Serafina Scialò – originaria della provincia di Catanzaro – in uno dei periodi più belli della sua lunga e brillante carriera musicale, dopo il grandissimo successo, per esempio, di canzoni indimenticabili come “Gloria”, “Stella Stai” e “Ti amo”.

Lei cantò anche con Umberto Tozzi nella canzone intitolata “Tre buone ragioni”. Prima di prendere servizio all’educandato Uccellis, Serafina Scialò aveva lavorato anche in altre scuole della nostra regione, per esempio al Bachmann di Tarvisio.

Il noto giornalista e critico musicale Mario Luzzatto Fegiz, sul Corriere della Sera, ricorda che l’amore fra Serafina Scialò e Umberto Tozzi era sbocciato negli anni 70. «I due – scrive Fegiz – si erano sposati nel’79 e cinque anni dopo era nato il figlio Nicola Armando. Fu lei la musa ispiratrice dei primi grandi successi dell’artista: Donna amante mia, Tu, Gloria, Amo, Stella Stai. Ma come fu grande amore così fu drammatica la separazione del 1984».

Il giornalista, sempre sul sito del Corriere, scrive anche che la Scialò, che viveva a Udine in via Dormisch, si rifiutò di far incontrare padre e figlio come stabilito in sede di giudizio.

«Tozzi e il suo avvocato Maretta Scocca documentarono decine di viaggi a vuoto a Udine compiuti dal cantante suffragati da esposti e ricorsi. Tozzi confidava agli amici che la sua ex moglie aveva fatto una specie di lavaggio del cervello al figlio con una sistematica opera di demolizione della figura paterna. Si racconta – scrive ancora Luzzatto Fegiz – che molto prima della separazione la Scialò si fece rilasciare un assegno in bianco per pagare un fornitore. In realtà lo pagò in contanti e trattenne l’assegno. Tempo dopo, quando i rapporti erano degenerati in guerra aperta, anche sull’affido del figlio, la Scialò mandò all’incasso l’assegno svuotando il conto di oltre 200 milioni di lire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori