La Brigata Pozzuolo in Croazia con la Protezione civile per aiutare le popolazioni colpite dal sisma

Partita una colonna di cinque mezzi con i militari della grande unità dell'Esercito: trasferite tende e materiale di prima necessità

PALMANOVA. Anche i militari di stanza in Friuli stanno supportando le popolazioni colpite dal terremoto che domenica 22 marzo ha scosso la Croazia e in particolare la sua capitale, Zagabria. Il Reggimento Logistico  della Brigata di Cavalleria "Pozzuolo del Friuli", grande unità che fornisce gli assetti dell'Esercito per la capacità nazionale di proiezione dal mare, è stato attivato dal Comando operativo di vertice interforze della Difesa per effettuare un trasporto di materiale, messo a disposizione dalla Protezione civile di Palmanova, a favore della popolazione croata.

L’attività di trasporto vede impegnati quattro automezzi modello APS/95, completi di container, e un furgone Fiat Ducato allestito come officina mobile, con i relativi equipaggi. Alla volta della Croazia sono partiti cinque mezzi, con nove graduati e un sergente maggiore al comando del nucleo.


I militari, che hanno raggiunto la capitale del Paese dell'ex Jugoslavia nella tarda serata di lunedì 23 marzo, hanno portato anche tende capaci di ospitare in tutto 250 persone. Le attivita di preparazione del materiale si sono svolte nella sede della Protezione civile regionale di Palmanova Palmanova e sono iniziate nel primo pomeriggio di lunedì per concludersi attorno alle 17. Un'ora più tardi la partenza del contingente per Zagabria, "scortato da due operatori della Pc e un volontario dei vigili del fuoco, che faranno anche da interpreti.

Tutto il personale impiegato nell'attività è stato dotato di materiale di protezione personale ( mascherine e guanti) ed è stato preventivamente sottoposto a tampone per la diagnosi del coronavirus, con tutti i militari risultati negativi.

Video del giorno

Studenti in piazza a Torino, scontri con la polizia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi