Contenuto riservato agli abbonati

Qual è il prezzo giusto per una mascherina? Dai negozi alle vendite online: la nostra guida

Udine, centinaia di attività commerciali controllate per verificare la correttezza dei prezzi. Beltrame (Farmacisti): «Richiesta enorme, è salito il costo delle materie prime»

UDINE. Dall’inizio dell’emergenza i prezzi sono schizzati alle stelle. Le mascherine, introvabili, sono diventate un oggetto dei desideri. Centinaia di attività commerciali sono state controllate per verificare la corretta esposizione dei prezzi al pubblico nel tentativo di sventare ogni possibile pratica speculativa compiuta approfittando del vertiginoso aumento della domanda. Intanto, spuntano le mascherine griffate, sold out nonostante sfiorino i 200 euro.



Il prezzo di una mascherina chirurgica, in farmacia, può variare da 1,50 a 2,50 euro l’una. Le altre, quelle con i filtri, costano dai 9 ai 12 euro ciascuna.



Online le cose cambiano. Le mascherine con i filtri FFP2 costano dai 3 ai 7,50 euro mentre le FFP3 circa 15,50 euro. Il prezzo delle mascherine chirurgiche, invece, parte dai 45 centesimi e arriva fino agli 8 euro. Prima dell’emergenza il costo era di circa 25-30 centesimi.

Come igienizzare le mascherine in tessuto: il tutorial della Protezione civile

È previsto un numero minimo di mascherine da acquistare, alle quali si deve aggiungere spesso anche il costo di spedizione, in media 5 euro. «C’è una grande difficoltà a trovare il prodotto – spiega il presidente dell’Ordine dei Farmacisti del Fvg, Gabriele Beltrame –. La richiesta è davvero enorme e chi fornisce la materia prima ha di conseguenza aumentato i prezzi in modo rilevante.

Coronavirus, come riutilizzare le mascherine monouso - Il videotutorial

Le mascherine arrivano in farmacia con un costo molto più alto, a volte superiore del 50 o addirittura del 100 per cento, rispetto al periodo precedente all’emergenza Covid-19». Anche i prezzi di vendita, di conseguenza, hanno subito un’impennata perché il costo finale è legato al prezzo di acquisto.

«La mia indicazione ai colleghi – aggiunge Beltrame – è di acquistare le mascherine a un prezzo accettabile per non essere costretti ad alzare ulteriormente il costo. In quel caso è meglio non venderle. Ci sono farmacie che vendono i dispositivi di protezione al prezzo d’acquisto per evitare speculazioni, c’è anche chi le regala e chi effettua soltanto un minimo rincaro per coprire le spese».



La presidente di Consumatori Attivi, Barbara Puschiasis, chiede di fare maggiore chiarezza. «A Udine e provincia, nelle farmacie – argomenta l’avvocato Puschiasis –, le mascherine PF2 e PF3 sono introvabili mentre il prezzo delle chirurgiche, riferiscono i cittadini, va da 1,50 e 3,50 euro, con un massimo di 4 mascherine a persona. Spesso non si trovano. Le mascherine lavabili in tessuto in alcuni casi vengono offerte gratuitamente ma quasi sempre il costo per la coppia parte dai 14 euro.

 

La produzione di dispositivi con autocertificazione in questa situazione ha dato modo ai furbi di approfittarne con il consumatore totalmente confuso. Tanti si rifugiano online. In molti casi i prezzi sono elevati e la consegna avviene anche dopo 30 giorni».

Puschiasis consiglia di informarsi prima di comprare mascherine a prezzi folli. «Vista la grande confusione chiediamo sia illustrata in modo chiaro, nelle farmacie, la caratteristica delle singole protezioni. Invito i consumatori a denunciare pratiche commerciali scorrette e prezzi esorbitanti pagati o richiesti. Il mio appello ai farmacisti è di non acquistare mascherine sovraccosto così da non alimentare questo mercato». –


 

Video del giorno

I 60 anni delle Frecce tricolori, Mattarella in cappello e occhiali da sole per ammirare lo show

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi