Grigliate condominiali in barba alle regole anti-contagio: decine di denunce

È successo da Cividale a Manzano: gli inquilini stavano festeggiando nei cortili dei palazzi. Multati anche alcuni ciclisti

CIVIDALE. Alcune decine di persone sorprese a pranzare e brindare assieme, in barba alle tante raccomandazioni dei giorni scorsi e alle prescrizioni contenute nel decreto “Io resto a casa”. Grigliate condominiali organizzate negli spazi comuni, con tanto di tavole imbandite, musica e passatempi. È successo il giorno di Pasquetta, nei comuni di Cividale, Manzano, San Giovanni al Natisone e Moimacco.

Quattro gli incontri conviviali segnalati agli agenti del Corpo di polizia locale dell’Uti del Natisone, coordinati dal commissario capo Fabiano Gallizia.

Tutte le persone coinvolte sono state sanzionate per aver violato le prescrizioni contenute nel decreto finalizzato a contenere la diffusione del Coronavirus. La segnalazione agli agenti, in tutti e quattro i casi, è partita da alcuni inquilini dei palazzi, infastiditi dall’atteggiamento degli altri condomini, che hanno utilizzato gli spazi comuni per organizzare, come detto, grigliate in compagnia.

Quando la polizia locale è arrivata sul posto ha trovato più gruppi familiari intenti a festeggiare. «Nei giorni scorsi – ha sottolineato il comandante Fabiano Gallizia – avevamo spiegato che le grigliate e i pranzi pasquali potevano essere organizzati ma soltanto in famiglia. Se i momenti conviviali vengono estesi ad altri nuclei familiari si crea una situazione di potenziale rischio.

Ci sono persone positive asintomatiche e in questo caso diventano portatori sani del virus. Durante il consumo di cibo non usiamo le mascherine e spesso non vengono utilizzate tutte le precauzioni in materia igienico sanitaria. Sono situazioni molto rischiose. Come riportato nell’ordinanza dei sindaci dell’Uti, sono vietate le riunioni a scopo ricreativo, negli spazi comuni, cui partecipano persone che non sono appartenenti allo stesso nucleo familiare».

Nei giorni scorsi, la polizia locale era già intervenuta, in diversi comuni del territorio, per sanzionare alcuni inquilini che stavano bevendo un aperitivo, in occasione delle festività pasquali, tutti assieme nel cortile di alcuni condomini.

Nella giornata di lunedì 13 sono stati tanti i controlli degli agenti sulle strade del territorio. C’è stato un incremento nel numero dei ciclisti che non hanno resistito alla scampagnata nel giorno di Pasquetta. Cinque persone sono state fermate, identificate e multate perché si trovavano fuori casa senza alcun motivo di necessità.

«Abbiamo un bacino di utenza di 50 mila abitanti – il commento del comandante Fabiano Gallizia –. La maggior parte delle persone hanno rispettato le prescrizioni. Tutto sommato posso dire che il bilancio è stato soddisfacente. Tantissimi cittadini hanno dimostrato di avere un grande senso di responsabilità. Non si può sprecare tutti i sacrifici fatti in quest’ultimo mese da parte di tutti». —


 

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi