Dalle pinzette per l'Eucarestia ai divisori in plexiglass per le confessioni: così si potrà tornare in chiesa

Da lunedì 18 maggio tornano a essere celebrate le messe: obbligatorie mascherine e niente segno della pace

UDINE. Le pinzette eucaristiche per distribuire la Comunione fedeli, pettorine colorate per i volontari che dovranno far rispettare le distanze  alle persone tra i banchi, mascherine liturgiche e divisori in plexiglass per le confessioni.

Ecco come si potrà tornare a messa a partire da lunedì 18 maggio. A distanza di sicurezza. Nella parrocchie di tutto il Fvg ci si sta attrezzando. Perché le celebrazioni religiose si potranno svolgere solo seguendo determinate regole anticontagio. E intanto sul mercato arrivano nuove linee di oggettistica sacro create appositamente per far fronte all'emergenza.

Ecco come si andrà a messa

  • Mascherine obbligatorie e niente segno della pace

In chiesa si entra indossando la mascherina e sarà ancora omesso lo scambio del segno della pace. Vietato entrare in caso di sintomi influenzali o respiratori o con temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi.

  • Comunione con le pinzette

La distribuzione della Comunione ai fedeli sarà particolarmente laboriosa: il celebrante deve disinfettarsi le mani con la soluzione idroalcolica, indossare guanti monouso e mascherina e mantenere un’adeguata distanza di sicurezza. Potrà dotarsi anche di pinzette per la distribuzione dell'eucarestia ai fedeli: così si eviterà qualsiasi tipo di contatto.

  • Raccolta delle offerte

Per la raccolta delle offerte, torneranno di moda il sacchetto in stoffa dotato di un lungo manico e le bussole
con cassaforte incorporata e insonorizzate.

  • Ingresso contingentato

L'ingresso e l'uscita dei fedeli saranno controllati dai volontari per evitare ogni assembramento sia all’interno di chiese, santuari e pievi, sia all’esterno (sul sagrato) che negli spazi annessi (sagrestie e spazi parrocchiali).

Il parroco stabilirà il numero massimo di fedeli che potranno accedere, tenendo conto del rispetto delle distanze di sicurezza di almeno un metro laterale e frontale. Per favorire poi il distanziamento tra i partecipanti alle liturgie, sono stati realizzati adesivi da posizionare sui banchi per indicare i posti disponibili e divisori in plexiglas per distanziare i fedeli o per le confessioni.

  • Igienizzazione

Dovrà essere prevista l'igienizzazione di paramenti, banchi, confessionali, oggetti e ambienti dopo ogni celebrazione. Saranno collocati dei dispenser con il gel per le mani e dopo ogni liturgia bisognerà  favorire il ricambio dell’aria. Le acquasantiere resteranno ancora vuote.

  • Sul mercato nuovi oggetti religiosi

Stanno  arrivando sul mercato nuove linee di oggettistica sacra e di articoli religiosi, che consentiranno lo svolgimento e la partecipazione in sicurezza alle celebrazioni: mascherine liturgiche, pissidi con il coperchio girevole, pinzette eucaristiche, pannelli trasparenti per il distanziamento dei fedeli, pettorine colorate
per i volontari e molto altro ancora. È quanto segnala Devotio, la fiera biennale internazionale per il mondo religioso, la cui prossima edizione si svolgerà a BolognaFiere nel 2021.

Numerosi sono i nuovi articoli religiosi che, a partire dalla prossima settimana, inizieranno ad essere diffusi nelle chiese italiane. Disponibili innanzitutto diverse linee di mascherine per la partecipazione a riti e celebrazioni, da quelle semplici bianche con il monogramma «IHS» che richiama il nome di Gesù, consigliate ad esempio per i bambini delle Prime Comunioni, a quelle policrome che riproducono immagini sacre, come il
crocifisso, la Vergine Maria e molti santi.

  • Soluzioni digitali

A livello nazionale non mancano le soluzioni nazionali come speciali app per prenotare la presenza a riti o celebrazioni, apparecchiature per web-radio o web-tv parrocchiali per trasmettere in streaming le messe  momenti di preghiera e infine impianti di amplificazione per la diffusione sonora all'esterno della chiesa.
 

Polpette di cavolfiore con curcuma, uvetta e anacardi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi