Atletica, calcio e tennis: dalle mascherine al divieto di utilizzare alcuni attrezzi, ecco le regole per lo sport all'aperto

Le linee guida stilate dalla Conferenza delle Regioni per lo sport all'aperto

UDINE. Attrezzi disinfettati dopo l'utilizzo di ogni atleta, no alla convidisione di borracce, distanziamento negli spazi comuni. Ecco punto per punto le regole per l'attività fisica svolta negli impianti sportivi all'aperto, fissate dal documento firmato dalla Conferenza delle Regioni.

Qui le linee guida specifiche per

Le presenti indicazioni si applicano a tutti gli impianti sportivi dove si pratica attività all'aperto che hanno strutture di servizio al chiuso (reception, deposito attrezzi, sala ricezione, spogliatoi, direzione gara, etc).

 

  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione e redigere un programma delle attività il più possibile pianificato in modo da dissuadere eventuali condizioni di aggregazioni regolamentare i flussi degli spazi di attesa e nelle varie aree in modo da evitare assembramenti e garantire il distanziamento interpersonale.
     
  • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5 gradi.
     
  • Andranno distanziati attrezzi e macchine per garantire gli spazi necessari per il rispetto della distanza di sicurezza delimitando le zone di rispetto e i percorsi con distanza minima fra le persone non inferiore a 1 metro mentre non si svolge attività fisica, se non può essere rispettata bisogna indossare la mascherina.
     
  •  Presenza di personale formato per verificare e indirizzare gli utenti al rispetto di tutte le norme igieniche e distanziamento sociale.
     
  •  Pulizia e disinfezione dell'ambiente e di attrezzi e macchine al termine di ogni seduta di allenamento individuale.
     
  • Gli attrezzi e le macchine che non possono essere disinfettati non devono essere usati. Per gli utenti è obbligatoria l’igiene delle mani prima e dopo l’accesso.
     
  • Non condividere borracce, bicchieri e bottiglie e non scambiare con altri utenti oggetti quali asciugamani, accappatoi o altro. Fare in modo che ogni praticante possa disporre di prodotti per la disinfezione e in quantità adeguata (in prossimità di ciascuna macchina o set di attrezzi) affinché, prima e dopo ogni esercizio, possa effettuare in autonomia la disinfezione della macchina o degli attrezzi usati.

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi