Strade come fiumi, tutto allagato e una frana che minaccia le abitazioni: la situazione maltempo nel Cividalese

San Pietro, una frana minaccia una casa

CIVIDALE. Violentissime e incessanti precipitazioni a Cividale e nelle Valli del Natisone si sono riversate sul territorio dalla tarda serata di giovedì mandando sott'acqua ampie zone, provocando un'infinità di allagamenti di scantinati, causando frane che in un caso, a Tarpezzo di San Pietro al Natisone, sta minacciando una casa. In arrivo il vicegovernatore Riccardi per un sopralluogo con gli uomini della Protezione civile

Il torrente Alberone, sempre nelle Valli, ha raggiunto livelli «storici», citando il sindaco del capoluogo valligiano, Mariano Zufferli, che dice di «non aver mai visto niente del genere». «Cantine invase dall'acqua, problemi alla Casa per anziani, in tilt la zona di Biarzo, bloccata la provinciale di Azzida», elenca Zufferli, all'opera fin dall'alba così come il collega di Cividale, Stefano Balloch, che di buon mattino ha iniziato a coordinare l'emergenza.

La protezione civile sta lavorando senza sosta: «Si registrano gravi problemi nelle frazioni di Gagliano, Fornalis, Purgessimo, alcune delle aree maggiormente colpite. Critica la situazione anche a Sanguarzo e a Cialla», elenca il primo cittadino. «Pure il magazzino comunale è allagato, mentre non si registrano, stranamente, problemi nel sottopasso del cimitero. Ora stiamo controllando la situazione al tempietto longobardo e in tutto il monastero di Santa Maria in Valle».

Maltempo, temporali e allagamenti negli scantinati a Cividale

Uno smottamento ha bloccato anche un tratto di strada nei pressi di Stregna; in un altro punto l'Alberone è esondato, riversando 80 cm d'acqua sulla carreggiata. La strada è ovviamente impraticabile, per cui gli abitanti non possono raggiungere Cividale.

Allagati anche gli scantinati del museo della Grande Guerra.

Maltempo a Prepotto. Il comune di Prepotto è rimasto parzialmente isolato sino a metà mattina a causa la caduta di alberi frane sulla strada. Regione più colpita è stata Cialla dove i Ruscelli ingrossati enormemente dalla captazione delle acque hanno esondato, divelto Asfalti e fatto crollare il ponte di accesso a un maneggio. Talmente 30 cavalli sono isolati. Protezione civile dipendenti comunali e sindaco attivi di prima mattina sul territorio. Sono state il prima possibile ripristinati i punti di accesso da Cividale si attendono ulteriori sopralluoghi da parte della protezione civile regionale

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi