Forti piogge nella Bassa Friulana: allerta a Jalmicco, mareggiata erode la spiaggia a Lignano

Gonars

PALMANOVA. Squadra comunale di Protezione civile impegnata a monitorare il territorio anche a Palmanova, dove l’attenzione è concentrata soprattutto sul canale scolmatore che è impressionate per la quantità d’acqua trasportata. Spiega l’assessore alla Protezione civile, Luca Piani: “Il canale ha raggiunto il livello di guardia. Abbiamo inoltre chiesto al Consorzio che effettui delle manovre alle paratie in modo da deviare nello scolmatore parte del flusso del Milleacque in modo da preservare il paese di Jalmicco. La situazione è al momento monitorata (c’è stato qualche allagamento in qualche stradina, ma nulla di allarmante).  La preoccupazione è invece rivolta all’evolversi delle condizioni meteo”.

Nel comune di Trivignano Udinese si sono registrate alcune criticità nell’area tra Trivignano e Melarolo, sulla strada tra Merlana e Santa Maria la Longa e su quella tra Santa Maria e Clauiano. “La situazione tuttavia è abbastanza buona - riferisce il sindaco Roberto Fedele -; ci ha sorpreso una criticità creatasi in centro a Melarolo perché di solito quell’area non viene interessata da allagamenti. L’area è già stata liberata dai detriti che si erano depositati grazie ai volontari della protezione civile”.

GONARS E SANTA MARIA LA LONGA. Gran brutto risveglio per il territorio di Gonars questa mattina. Racconta il sindaco, Ivan Boemo: “Attorno alle 6, nell’arco di un’ora, sono caduti 85 mm d’acqua che hanno allagato un po’ tutte le strade del paese con problemi maggiori nelle vie Torviscosa, Ramut, Cormons, 1 Maggio. Abbiamo anche chiuso un paio di vie d’accesso alla zona industriale”. Al momento non vi sono né abitazioni private, né aziende con allagamenti all’interno degli edifici. “La situazione tuttavia è preoccupante – racconta il sindaco nelle prime ore della mattinata di oggi, venerdì 5 giugno - perché sta continuando a piovere e i canali sono pieni. Con la Protezione civile stiamo monitorando la situazione e prendendo le decisioni con l’evolvere delle condizioni meteo”.

Maltempo a Gonars

Il problema è stato causato soprattutto dalla grande quantità di pioggia caduta in poco tempo. “La rete fognaria faticava a ricevere. E pensare che avevamo anche fatto di recente la pulizia delle caditoie…”.

Problemi anche a Santa Maria la Longa, soprattutto nella frazione di Ronchiettis e nelle ultime case che si affacciano sulla strada che da Santa Maria porta a Tissano. Qui diversi cortili sono allagati. Chiusa a Persereano la strada che collega il paese con Santo Stefano Udinese. Chiusa anche via Merlana. Il sindaco Fabio Pettenà sta monitorando la situazione con i volontari della Protezione Civile.

Lignano, la situazione a Sabbiadoro e Pineta

LIGNANO. Un forte vento di Scirocco continua a soffiare e una lieve mareggiata sta continuando a tenere sotto scacco anche questa mattina, venerdì 5 giugno, il litorale di Lignano. Le piogge abbondanti e il picco di marea registrati a partire da ieri sera non hanno causato particolari criticità nella città marittima se non nel litorale, dove la spiaggia è stata parecchio erosa. 

La Protezione civile con i suoi volontari sta continuando a monitorare tutto il territorio. L’allerta gialla, infatti, prosegue fino alla mezzanotte di oggi. 

[[ge:gelocal:messaggero-veneto:udine:cronaca:1.38931649:Video:https://video.messaggeroveneto.gelocal.it/locale/lignano-mareggiata-erode-la-spiaggia/129024/130083]]

Per il momento, non è stato riscontrato alcun allagamento nelle vie della città o nelle abitazioni e nemmeno nella darsena dei residenti, Porto Casoni. Per quanto riguarda il fiume Tagliamento, finora non si è raggiunto nessun livello di allerta.

A Grado, nella notte, si è registrato un picco di marea di 1,18 metri e intorno alle 22 di ieri, giovedì 5 giugno, l'acqua è esondata nella zona del porto.

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi