In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Lockdown, ecco l’effetto sulle emissioni in Italia: -20%

Il lato positivo del lockdown dovuto al Covid-19? La riduzione, seppur temporanea, di gas a effetto serra in Italia. A sostenerlo è il primo studio scientifico che valuta l’effetto “proattivo” del lockdown in Italia, o in altre parole l’effetto che il virus ha generato sui livelli di inquinamento

2 minuti di lettura

Il lato positivo del lockdown dovuto al Covid-19? La riduzione, seppur temporanea, di gas a effetto serra in Italia.  A sostenerlo è il primo studio scientifico che valuta l’effetto “proattivo” del lockdown in Italia, o in altre parole l’effetto che il virus ha generato sui livelli di inquinamento. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica “Science of the Total Environment”, è stata realizzata in collaborazione tra la Aarhus University di Copenaghene e l’Istituto di Scienze e Tecnologie del Lussemburgo e condotta da due ricercatori italiani: Dario Caro e Benedetto Rugani. 

“Abbiamo osservato una riduzione di circa il 20% di gas a effetto serra emessi in atmosfera”, spiega Benedetto Rugani, ricercatore al dipartimento di Ricerca e Innovazione Ambientale dell’Istituto di Scienze e Tecnologie del Lussemburgo. “Una stima importante se si considera che ridurre l’emissione di questi gas contribuisce a soddisfare l’impegno preso dai governi di mantenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto di 1.5°C rispetto ai livelli pre-industriali”.

“Una diminuzione maggiore si è avuta in quelle che sono le zone più industriali d’Italia proprio perché quelle sono le maggiori fonti di emissione”, aggiunge Dario Caro, ricercatore del dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università danese di Aarhus, con sede a Copenhagen. “Lo studio – aggiunge Caro - ha riguardato esclusivamente il settore energetico italiano, che però copre circa l’80% delle emissioni nazionali. In particolare, la diminuzione degli spostamenti è stata importante così come lo spegnimento delle industrie. In generale, è la riduzione dell’utilizzo dei combustibili fossili (derivati dal petrolio) che ha reso possibile questo risultato”.

Perché la riduzione dei gas ad effetto serra non è immediata come quella degli inquinanti classici che invece possono essere osservati anche da immagini satellitari che infatti ci hanno mostrato evidentemente la loro diminuzione?

D. Caro: “Perché i gas ad effetto serra hanno un tempo di vita molto lungo in atmosfera a differenza degli inquinanti classici. La CO2 ad esempio, che è il gas ad effetto serra maggiormente rilasciato da attività umane, ha un tempo di vita in atmosfera stimabile nell’arco di 100 anni. Questo significa che oggi troviamo in atmosfera anche la CO2 rilasciata un secolo fa. È ovvio che in due mesi di lockdown non si può percepire una riduzione al cospetto di così tanti anni di accumulo di questi gas in atmosfera. L’unico modo per osservare la riduzione avvenuta durante il lockdown è attraverso un approccio analitico come ad esempio il calcolo della carbon footprint prima e durante il lockdown. Ed è ciò che abbiamo fatto”.

Quali sono stati gli effetti positivi di questo lockdown in termini ambientali?

D. Caro: Per quanto riguarda gli inquinanti atmosferici classici, una loro riduzione ha significato immediati benefici in termini di qualità dell’aria, specie in aree particolarmente inquinate. Invece, per i gas ad effetto serra, è stata una piccola goccia che però può rappresentare un buon punto di partenza. Non è più, e non è mai stato, l’uomo e l’ambiente, bensì l’uomo nell’ambiente. Se non rispettiamo le leggi che la natura ci impone diventiamo inermi nel momento in cui essa risponde negativamente ai nostri input. Anche da un punto di vista economico non ha più senso non considerare gli aspetti sociali ed ambientali nel momento in cui quando la natura ti risponde sei costretto a far collassare anche il tuo sistema economico. Serve che si vada verso uno sviluppo sostenibile in cui non solo gli aspetti economici ma anche quelli sociali e ambientali assumano peso decisionale”.

Lo studio ha anche valutato il trend dell’impronta di carbonio associata a tre possibili scenari di ripresa delle attività di consumo basati sull’andamento del PIL atteso per il 2020, in risposta alla crisi economica e il risultato è sconcertante. Anche in uno scenario assolutamente pessimistico di ripresa economica (con un calo del PIL maggiore del 9% rispetto al 2019) i livelli dell’impronta di carbonio medi per Euro di prodotto interno lordo si attesterebbero al di sopra di quelli registrati dal 2015 al 2018.

Tornare al solito regime produttivo cancellerà i risultati di questi 3 mesi o verranno "capitalizzati"?
D. Caro: “Questo è un punto fondamentale. Noi abbiamo semplicemente chiuso un rubinetto ma non ne abbiamo aumentato l’efficienza. Nel momento in cui il rubinetto si riapre tutto torna come prima. La sfida fondamentale per i prossimi anni è riuscire a tenere aperto quel rubinetto impattando meno. Per l’Italia questo significa soprattutto una mobilità più sostenibile ed una forte spinta verso il rinnovabile”.

I commenti dei lettori