Arca all’attacco: «Sequals-Gemona, una scelta sbagliata»

SEQUALS

«Con l’ordine del giorno appena approvato il Consiglio regionale ha dichiarato strategica l’autostrada Gemona-Cimpello. È stata così cancellata con poche righe una discussione durata anni e studi che hanno fornito dati incontrovertibili circa l’inutilità e la grande dannosità dell’opera».


Lo dice è Alberto Durì, presidente del comitato popolare Arca, da sempre, in prima linea contro il raccordo autostradale. Motivazioni, quella della sua contrarietà che Durì chiarisce per punti: «La prima osservazione riguarda la concezione della democrazia che sottintende questa decisione: presa ancora una volta senza sentire il territorio interessato e con la protervia ignoranza di quella che è stata fino a oggi una diffusa posizione dei cittadini, sottoscritta da migliaia di persone e anche da studiosi, tecnici, intellettuali che in quella posizione di salvaguardia del Tagliamento e della Pedemontana orientale si sono pubblicamente riconosciuti».

«Chi parla dell’opera – aggiunge Durì – lo fa, nel migliore dei casi, senza alcuna cognizione di causa, per raggiungere la quale occorre sobbarcarsi l’oneroso studio di una pletora di ponderosi documenti, in primis lo studio preliminare della Provincia di Pordenone del 2001. Dall’analisi di questi documenti si evince che l’opera, nel percorso attraverso la valle del Tagliamento deciso dai successivi governi regionali, esce dai parametri di legge per le emissioni, determina un enorme accrescimento del disturbo da rumore stante la morfologia del territorio attraversato, si sviluppa in una zona geologicamente fragilissima, non è sostenibile economicamente perché ipotizza un numero inverosimile di passaggi giornalieri (23 mila inizialmente e 52 mila a regime), comporta risparmi di percorrenza risibili».

«Da Montecchio, sulla A4 non lontano da Vicenza, a Gemona 11 chilometri in meno: gli unici vantaggi riguardano una percentuale residua di traffico tra Pordenone e Gemona, decisamente troppo poco nell’ottica costi-benefici», conclude Durì. –

g.z.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi