Camera di commercio chiusa disagi e attese per gli utenti

La protesta di alcuni imprenditori che chiedono la riapertura dell’ufficio Il presidente Da Pozzo: limitazioni imposte dall’emergenza, si riparte a settembre

/ tolmezzo

La chiusura è scattata a marzo, con il lockdown, ma da allora la sede tolmezzina della Camera di commercio non ha più riaperto i battenti. La modalità “smart” inaugurata dagli uffici camerali prevede il ricorso su appuntamento agli sportelli udinesi. Ma per gli utenti di tutta la Carnia e del Tarvisiano questo significa lunghe trasferte e non pochi disservizi.


le lamentele

«Con la scusa del coronavirus tengono ancora chiusa la sede di Tolmezzo – segnala Lorenzo Marchese, commerciante tolmezzino – e non si capisce il motivo, dato che tutte le altre strutture pubbliche ormai sono aperte. Bisogna prendere appuntamento a Udine, ma sono rimasto un’ora al telefono senza ottenere risposta e solo inviando una mail mi hanno fornito una data».

«Il disagio per molti utenti è tangibile – commenta Anna Di Vora, commerciante tolmezzina – chi ha bisogno dei servizi legati alla benzina agevolata, di certificati o visure camerali, così deve affrontare anche più di 200 chilometri di strada». Per il collega Michel Copiz si tratta di un problema che coinvolge principalmente le piccole attività «le aziende più strutturate che si appoggiano a un professionista sono meno coinvolte dal problema, ma quelle di piccole dimensioni e gli artigiani sono costretti a perdere anche una giornata per affrontare queste trasferte».

interviene il sindaco

A mobilitarsi per la riattivazione del servizio è stato anche il sindaco Francesco Brollo: «Appena ho saputo della cosa ho contattato il presidente Giovanni Da Pozzo per capire che margini ci fossero per dare un servizio in più al territorio. Mi ha risposto che non dipende da loro ma dalle norme anti-Covid, che i servizi vengono resi ma solo in forma telematica fino a fine agosto e che dal primo settembre lo sportello riaprirà. Ciò accade, al pari di tanti altri uffici aperti al pubblico. Certamente, alla riapertura dell’ufficio ci sarà il rischio delle code e ciò suggerisce o impone una transizione al digitale che però è monca se non è accompagnata da infrastrutture digitali di livello, vera priorità per la nostra montagna».

Le modalità

L’introduzione di limitazioni era necessaria per garantire sicurezza, spiega il presidente Giovanni Da Pozzo: «In modalità “smart” e con la possibilità di prendere appuntamento via mail, abbiamo cercato di evitare che i servizi per imprese e cittadini della Cciaa subissero interruzioni» precisa. La richiesta di appuntamento deve essere inoltrata agli uffici tramite posta elettronica, per ottenere date e orari precisi nelle sedi di Udine e Pordenone ed evitare code o assembramenti. «Ci spiace possa essersi verificato qualche problema – aggiunge il presidente –, ma questo periodo è stato complesso per tutti: abbiamo fatto il possibile per non creare disservizi, nel rispetto delle norme». Da Pozzo ricorda «che la sede di Tolmezzo è piccola e lasciarla aperta, con i vincoli imposti dalle disposizioni anti-Covid, non ci è stato possibile, a tutela di tutti. Questo può aver portato a qualche spostamento in più verso Udine, ma ripeto: non sarebbe stato sicuro fare diversamente. La provincia di Udine è molto ampia e Tolmezzo è l’unica sede decentrata garantita sull’intero territorio delle due province di competenza della nostra Cciaa. Pertanto, bisogna considerare che imprenditori e cittadini del litorale, della Bassa friulana o delle Valli del Natisone, già vengono regolarmente nella sede di Udine, quando ne hanno bisogno».

servizi ampliati

Il sistema camerale, intanto, ampliando l’offerta di servizi fruibili direttamente online, dal proprio pc o smartphone e l’emergenza Covid, osserva il presidente, «ci sta spingendo a potenziare sempre più questo tipo di iniziative, per dare l’opportunità di gestire il rapporto con la pubblica amministrazione con minori spostamenti fisici e, possibilmente, in modo più semplice e in minor tempo», conferma Da Pozzo. Per visure e pratiche del Registro imprese sono già operativi registroimprese.it e il Cassetto digitale dell’imprenditore (https://impresa.italia.it/), così come il sistema di fatturazione elettronica, solo per fare qualche esempio. Ci saranno presto nuove procedure da remoto e già da mesi sono state attivate attività di info-formazione in modalità webinar su tanti temi inerenti lo sviluppo dell’impresa, il turismo, l’internazionalizzazione e la digitalizzazione d’impresa.

le attese al telefono

Un discorso a parte riguarda invece la linea telefonica. «Ci dispiace molto se ci sono state attese, in alcuni casi lunghe, come ci è stato segnalato – ha ribadito il presidente –. Stiamo facendo le opportune verifiche su quanto successo e purtroppo ultimamente abbiamo anche avuto, in alcune giornate, dei disservizi di diverse ora causati dal gestore e non dipendenti da noi, che però abbiamo sempre cercato di segnalare tempestivamente sugli altri canali comunicativi, sia sul sito, sia sulla pagina Facebook della Camera di commercio Pordenone-Udine. Stiamo lavorando per migliorare questo servizio». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi