Contenuto riservato agli abbonati

I fiumi in piena fanno paura, non sfidiamo la Natura

Ferdinando Camon: molti corsi d'acqua, per grandi tratti, sono “pensili”, e chi non ha vissuto, lavorato o studiato sotto un fiume “pensile”, non sa cos’è la paura

Il Veneto è in ginocchio. In Friuli va un po’ meglio, ma la vigilanza resta alta. Fiumi in piena, ordini di evacuazione e contrordini, le autorità non sanno cosa comandare, la gente non sa a cosa obbedire. Si respira la paura.

Ma bisogna dire che la paura qui è sempre latente: molti fiumi, per grandi tratti, sono “pensili”, e chi non ha vissuto, lavorato o studiato sotto un fiume “pensile”, non sa cos’è la paura.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi