Ovaro al voto, partita la campagna elettorale casa per casa: ecco i programmi di Not e Gallo

Pochi gli incontri pubblici in calendario. Servizi, tecnologia e sostegno all’economia i temi più sentiti

OVARO. Incontri pubblici ridotti al minimo. La campagna elettorale per riaffidare una guida al Comune, dopo nove mesi di commissariamento, si porta avanti casa per casa e attraverso il passa-parola a Ovaro dove Lino Not e Loris Gallo, ciascuno dei quali sostenuto da una lista civica, si preparano a contendersi i voti sulla base di programmi che guardano al futuro.

Un unico incontro pubblico alla piattaforma del Centro attrezzature turistico sportive di Spin sabato 12 alle 18 per la lista “Insieme per ripartire”.

In Friuli si voterà anche le elezioni ammininistrative: ecco la guida ai candidati

«Abbiamo limitato le uscite proprio per rispettare le norme di distanziamento sociale – precisa Not – ciascuno di noi illustrerà i punti salienti del nostro programma parlando a tu per tu con i compaesani e anche attraverso la nostra pagina Facebook» annuncia. Una dozzina di candidati in lista che, sottolinea Not, rappresentano tutto l’arco generazionale e fondono professionalità diverse. «Si tratta di una squadra che ha significative competenze e che sarà coinvolta integralmente nell’amministrazione della cosa pubblica, visto che ci sarà da lavorare parecchio.



«La gente comincia a capire che, finalmente, si torna alla vita normale, bisogna risolvere il problema degli organici negli uffici comunali, ricostruire una rete di relazioni puntando sull’associazionismo e avviare iniziative di sostegno all’economia». Stiamo cercando di spiegare alla gente che la situazione è complicata e che abbiamo le competenze per riuscirci. Tre gli incontri programmati da Loris Gallo e dalla lista “Alternativa per Ovaro 4.0” che lo sostiene. Una compagine che guarda al futuro quella di Gallo, nella quale ci sono alcune forze giovani (l’età media è di 40 anni) «ma anche persone con esperienza» sottolinea il candidato sindaco.

«Vorremmo mettere le basi per una futura classe amministrativa, con una programmazione a lungo termine» aggiunge Gallo.



Il primo incontro pubblico è fissato per venerdì 11 a Mione, la serata successiva ci si sposterà a Liaris, è previsto anche un appuntamento conclusivo alla piattaforma di Ovaro, dove oltre all’illustrazione del programma ci sarà spazio per un approfondimento con la presenza di alcuni esperti che tratteranno argomenti sentiti come quello delle derivazioni idriche. Numerose le criticità che Gallo punta a sciogliere al più presto: «Fra queste il problema della viabilità in paese, la necessità di dare al territorio la banda larga e la fibra ottica – evidenzia Gallo –. Il nostro obiettivo principale è fornire supporto alle attività produttive, commerciali e di servizi e programmare una valorizzazione delle nostre risorse turistiche. Le nuove tecnologie, anche nella pubblica amministrazione, consentiranno un miglioramento dei servizi».

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi