In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Addio ad Angelica Foghini, la signora della scherma

Aveva 57 anni, fu una delle atlete di punta della Sangiorgina e della Gemina. Una passione nata da bambina. L’ex allenatrice: «Era una combattente»

2 minuti di lettura

SAN GIORGIO DI NOGARO. Il mondo della scherma dice addio ad Angelica Foghini. Lo sport piange la perdita di una delle sue più rappresentative protagoniste dello scenario regionale, nazionale e internazionale degli anni Ottanta. È mancata nella tarda serata di domenica all’Ospedale di Latisana, dopo aver combattuto contro la malattia, Angelica Foghini Fedrizzi, schermitrice della Società Scherma Sangiorgina (oggi Gemina). Aveva 57 anni, lascia il marito Livio, i figli Greta e Jacopo, la mamma Mariella, e i fratelli, Francesca e Federico.

La passione per la scherma l’aveva portata in pedana fin da bambina: a soli sei anni era già in gara, regalando subito successi alla sua società. È stata tra le prime iscritte all’Associazione Schermistica Sangiorgina (1968-’69). A nemmeno undici anni raggiunse “il suo primo e vero exploit”, come scriveva il Messaggero Veneto di quell’anno (il 1973), quando a Roma al Gran premio dei Giovanissimi ottenne uno strepitoso nono posto. Da allora è stato un susseguirsi di successi, raggiungendo brillati risultati in campo regionale, affrontando anche avversarie di maggior esperienza. Ha partecipato a numerose gare nazionali, a trofei individuali e a squadre, ottenendo sempre piazzamenti di riguardo. Fino all’ultimo traguardo, le finali a squadre ai Campionati italiani di spada disputatisi a Rimini nel 1988, ottenendo un significativo quinto posto con le compagne di pedana Sara Vicenzin e Laura Maugeri.

Aveva doti naturali per questo sport, che ha praticato per moltissimi anni, un gesto atletico elegante. Sostenuto dalla determinazione. Pur cessando l’attività agonistica, non si è mai del tutto allontanata dall’ambiente schermistico, anche coltivando le numerose amicizie che nel corso degli anni si sono sempre più consolidate, tanto da lasciare nei “compagni d’arme” e nel mondo schermistico regionale, tutti parimenti addolorati e commossi per la prematura scomparsa, un vero e proprio vuoto.

A ricordarla, è oggi Sara Vicenzin, ex maestra di scherma della società di San Giorgio di Nogaro, che seppur più giovane faceva parte di quel gruppo di ragazze che fecero conoscere la Società Scherma Sangiorgina (poi Gemina Scherma), fuori dai confini regionali, proiettandola nel panorama internazionale della scherma e della spada. «Era una combattente nata – dice con emozione –, anche una volta scoperta la malattia non si è mai arresa, ha sempre lottato. Era una tosta».

Alta e fiera, portava con se l’immagine delle sue radici: l’eleganza della famiglia paterna dei Foghini - antichi proprietari terrieri e poi industriali di fine Ottocento (fu loro la prima casa di spedizioni del porto di Nogaro) - di quella materna, i Pitton, storici commercianti emporiali dotati di grande determinazione. Riservata, ma non schiva, mai sopra le righe, aveva molti amici a San Giorgio e non solo. Anche dopo il matrimonio con Livio Fedrizzi, era rimasta nel suo paese, dove sono nati i suoi figli, Greta, e Jacopo (giovane promessa del calcio) e dove vive tutta la sua famiglia.

Lavorava da anni nello studio di un avvocato, dando una mano anche nell’ambulatorio dentistico del marito. Poi la scoperta della malattia poco più di un anno fa, affrontata senza mai piangersi addosso.

I funerali si terranno oggi, mercoledì 9 setttembre alle 16 nel Duomo di San Giorgio di Nogaro.
 

I commenti dei lettori