Coronavirus, un lavoratore di Cepparo positivo al tampone

È stato posto in isolamento domestico. L’attività dell’azienda casearia prosegue regolarmente

FLAIBANO. «I riscontri clinici eseguiti sono stati particolarmente confortanti, in quanto soltanto un lavoratore di Cepparo spa, che peraltro si trovava a contatto con il personale della cooperativa che ha determinato il problema, ha avuto un riscontro positivo al tampone.

Tutto il restante personale, operativo nelle altre aree aziendali, è risultato negativo. Il lavoratore positivo è stato regolarmente posto in isolamento domestico e grazie a questi ultimi rilievi possiamo serenamente sostenere che il focolaio è stato circoscritto e l’attività societaria potrà proseguire normalmente».



Lo rende noto l’avvocato Roberto Mete, presidente dell’organismo di vigilanza della Cepparo spa, azienda casearia con sede legale a Flaibano dopo che lunedì scorso tutti i dipendenti della ditta sono stati nuovamente sottoposti a tampone a seguito di una prima ricognizione che aveva fatta emergere un contagio da coronavirus in quattro dipendenti e altri sei lavoratori appartenenti a una cooperativa esterna che collabora con la ditta casearia friulana.

Ritorna quindi la tranquillità nella storica azienda di Flaibano, attiva dagli anni Sessanta, con un suo sito anche in Comune di Coseano, con 71 lavoratori. La scorsa settimana aveva deciso su propria iniziativa di sottoporre al tampone tutti i dipendenti. Il lavoratore positivo – come detto – appartenente a una cooperativa esterna è un uomo di origine straniera che risiede a Flaibano.

Il sindaco Alessandro Pandolfo rileva che «tutta la famiglia del lavoratore è stata messa dalle autorità sanitarie in quarantena: marito, moglie e figlia. I volontari della Protezione civile, come da mio mandato, sono stati incaricati per portare i viveri necessari al gruppo familiare e l’assessore Felice Gallucci si è reso disponibile per eventuali emergenze».

Pandolfo conferma che «il piccolo focolaio, ridotto a una famiglia in quarantena, rimane circoscritto e la situazione al momento è sotto controllo. Tranquillizzo per questo la popolazione in quanto non c’è alcun motivo di allarmarsi, in quanto sono in stretto contatto con il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria del Friuli centrale.

Rimane comunque sempre valido il consiglio di mantenere sempre la distanza di sicurezza e disinfettarsi le mani ogniqualvolta si ha un contatto esterno». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi