Senza scuolabus 130 studenti le famiglie chiedono soluzioni

MERETO DI TOMBA. Trasporto scolastico ancora problematico per i 130 studenti della scuola dell’infanzia di Tomba, della elementare di Pantianicco, della primaria e della media di Basiliano che risiedono a Mereto di Tomba e che devono raggiungere le sedi scolastiche. Il servizio dello scuolabus affidato dalla Centrale unica di committenza a una ditta di Lecce si è presentato fin dal primo giorno, quando un loro mezzo non è partito, con gravi difficoltà ancora non risolte.

Il Comune ha convocato i genitori, fortemente preoccupati per la situazione, ai quali è stato illustrato il momento difficile con tutti i disservizi di questi giorni e con l’impegno da parte del Comune di tenerli al corrente al termine dei 20 giorni dati alla ditta per dare risposte.


«I mezzi inoltre – spiega Paola Fabello, vicesindaco – dovevano essere immatricolati almeno nel 2019, invece gli attuali scuolabus sostitutivi risalgono all’anno 2011/2012, tanto che il primo giorno di scuola uno dei due non è partito. Il Comune ha fatto pervenire una segnalazione alla ditta e al Cuc regionale in cui sono elencate tutte le inadempienze rilevate in questo periodo a cui la ditta dovrà rispondere entro 20 giorni lavorativi, a partire da martedì, per uniformarsi a ciò che era previsto nel capitolato d’appalto. Stiamo facendo il possibile per garantire comunque il servizio ai 130 ragazzi monitorando giornalmente l’attività».

Una ditta di Lecce, la Tundo Vincenzo spa, come è noto, si è aggiudicata l’appalto triennale, prorogabile ancora di un anno, del servizio di trasporto scolastico in sette Comuni della regione, i problemi sono subito sorti per il mancato invio di tutta la documentazione necessaria e di mezzi, come nel caso di Mereto di Tomba, che non assicurano la sicurezza nel trasporto casa-scuola.

«Nel piazzale antistante la palestra sono quindi parcheggiati gli scuolabus di Mereto e i quattro di Basiliano – evidenzia l’assessore ai lavori pubblici, Giuseppe D’Antoni –, lo scorso anno quando il servizio di trasporto scolastico era affidato alla Saf regionale era ineccepibile. Ora con queste nuove misure abbiamo mille problemi ai quali si aggiunge una spesa maggiore per l’amministrazione comunale». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi