Addio al fondatore del consorzio La Mont

Sandro Rizzi, ex dipendente della Telecom, aveva 73 anni. Impegnato nella Pro loco a Magnano in Riviera, era stato anche consigliere comunale

MAGNANO IN RIVIERA. È morto Sandro Rizzi, presidente del consorzio La Mont e già consigliere comunale. Sandro Rizzi si è spento domenica sera all’età di 73 anni all’ospedale di Udine, dove era stato ricoverato venerdì a seguito di un malore che lo aveva colpito improvvisamente.

Rizzi era affetto da problemi di salute nell’ultimo periodo, ma nonostante le attenzioni e cure di familiari dei e sanitari, dopo il ricovero di venerdì, domenica non ce l’ha fatta. Nel paese rivierasco, Sandro Rizzi era molto conosciuto per la sua presenza in alcune realtà associative del paese dove era stato anche consigliere comunale nell’amministrazione guidata ai tempi dal sindaco Bruno Miotti.

Sandro Rizzi era presidente del consorzio forestale La Mont, che lui stesso aveva contribuito a fondare una quarantina di anni fa e che oggi raduna fra i soci 250 proprietari di terreno boschivo ubicato nelle parti montane del monte Faet tra Magnano in Riviera, Tarcento, Artegna e Montenars.

Il consorzio si occupa in particolare della manutenzione del territorio in collaborazione con gli enti competenti: «L’amministrazione comunale – dice il sindaco Roberta Moro – si stringe alla famiglia di Sandro Rizzi, una persona molto disponibile con il quale abbiamo sempre collaborato anche in quanto referente del consorzio per la gestione del territorio».

Nella sua vita, Sandro Rizzi aveva lavorato per la Telecom, prima nell’ufficio di riferimento di Tarcento e successivamente in quello di Udine: al termine della sua vita lavorativa aveva ricevuto il Cavalierato al lavoro per l’impegno dimostrato. Rizzi era sempre rimasto molto presente in paese. Non solo nel consorzio La Mont ma anche in altre realtà associative a cominciare dalla Pro Magnano, in particolare nell’organizzazione della nota festa delle castagne.

Sempre a Magnano, Sandro Rizzi era uno volontari dell’associazione “Cjalâ indenant” che dona il servizio di trasporto e aiuto alle persone più anziane del paese per spostamenti e commissioni: «Era uno dei nostri autisti e amico di lunga data – dice Sandro Merluzzi, presidente di “Cjalâ indenant” –: ci mancherà la sua presenza e la sua buona volontà». Sandro Rizzi lascia la moglie Annamaria e i figli Marco e Matteo. Ancora non è stata decisa la data dei funerali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi