Raffica di alcoltest nella zona Collinare: ritirate quattro patenti

I carabinieri della Compagnia di Udine (hanno operato i militari del Nucleo radiomobile insieme ai colleghi delle stazioni di Majano e Martignacco) , per la notte tra sabato 3 e domenica 4 ottobre avevano organizzato tutta una serie di verifiche stradali straordinarie nella zona del Friuli collinare

Raffica di controlli e di patenti ritirate a persone che si erano messe al volante dopo aver bevuto più del consentito. Quattro gli automobilisti “rimasti a piedi”.

Ecco cos’è successo. I carabinieri della Compagnia di Udine (hanno operato i militari del Nucleo radiomobile insieme ai colleghi delle stazioni di Majano e Martignacco) , per la notte tra sabato 3 e domenica 4 ottobre avevano organizzato tutta una serie di verifiche stradali straordinarie nella zona del Friuli collinare.

In tale contesto è finito nei guai, ossia con una denuncia a piede libero per guida in stato di ebrezza, un cittadino albanese di 57 anni residente a Udine fermato a Martignacco mentre era al volante pur avendo un tasso di alcol di oltre 1 grammo per litro di sangue, a fronte di un limite massimo consentito dalla legge pari a 0,5 grammi/litro.

Stessa sorte per una donna di trent’anni e residente ad Artegna che, alla prova dell’etilometro, è risultata positiva, anche lei con un tasso superiore a uno.

Patente ritirata e denuncia pure per un 43enne residente a San Giorgio della Richinvelda. Per lui il risultato dell’alcoltest è stato superiore a 1,8.

Infine, si è invece rifiutato di “soffiare” un cittadino salvadoregno di 46 anni residente a Pasian di Prato. I carabinieri lo avevano fermato a Fagagna. Secondo la normativa vigente rifiutare la prova significa far scattare il massimo delle sanzioni.

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi