Coronavirus, il bollettino: 110 nuovi casi in Friuli Venezia Giulia. Quasi cinquemila tamponi, stabili le terapie intensive

Aggiornamento ore 19. Il bollettino del Fvg: 110 nuovi casi. Le persone attualmente positive al Coronavirus in Friuli Venezia Giulia sono 1.041. Rimangono sei i pazienti in cura in terapia intensiva, mentre scendono a 23 i ricoverati totali in altri reparti, tra cui si registra però un nuovo ricovero in malattie infettive a Udine. Nessun nuovo decesso è stato registrato (355). Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Qui tutti i dettagli.

CORONAVIRUS, PER APPROFONDIRE:

Aggiornamento delle 18.10. Calciatore positivo, otto compagni in quarantena. Una cena dopo la partita ferma l’attività dell’Associazione sportiva dilettantistica “Diana” di San Vito Di Fagagna. Nove i giocatori che hanno partecipato al convivio assieme a parenti e amici.Uno di questi, non residente nel comune, è risultato positivo all’indomani della partita contro il Colloredo di Montalbano, gara che rientra nel campionato regionale di prima categoria, girone B. Ecco i particolari

Aggiornamento ore 17.50. Il bollettino in Italia. Continua a crescere il numero dei nuovi casi di Covid-19: secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, sono stati 4.458 nelle ultime ventiquattro ore, a fronte dei 3678 nuovi casi registrato ieri: il totale sale così a 338.398. Nuovo record del numero dei tamponi effettuati: 128.098. Le vittime di oggi sono 22, contro le 31 di ieri. Nessuna regione a zero contagi.

I nuovi diffusi dal ministero della Salute registrano un nuovo record di tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore sono stati 128.098, quasi tremila in più rispetto a ieri quando erano stati 125.314. Dei 65.952 attualmente positivi, 358 sono in terapia intensiva (+21 rispetto a ieri), 3.925 ricoverati con sintomi (+143) e 61.669 in isolamento domiciliare (+3.212). I dimessi e i guariti sono complessivamente 236.363 con un incremento di 1.060. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento ore 17.30. In Fvg situazione regolare, attenzione agli studenti. Grande attenzione in Fvg è focalizzata da parte dell'assessorato alla Salute sulla tutela della popolazione scolastica. Al 6 ottobre i tamponi effettuati a studenti nella fascia tra 0 e 18 anni sono stati 10.626, dei quali sono risultati positivi 266, pari al 1,6 per cento del totale.

Il Vicegovernatore e assessore alla Salute, Riccardo Riccardi ha posto l'attenzione sulle differenze scaturite dalle due fasce d'età in cui è stata suddivisa l'analisi dei dati: «I positivi nella fascia tra i 0 e i 10 anni sono stati l'1 per cento del totale, mentre quelli tra i 21 e i 28 anni hanno raggiunto il 2,8 per cento, quasi il doppio». Una differenza che sarebbe indice di fattori extra scolastici che intervengono all'aumentare dell'età. È il caso della mobilità più frequente da parte dei ragazzi più grandi.

Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, i nosocomi riescono regolarmente a gestire la nuova ondata in Fvg: sono 6 i pazienti ricoverati in terapia intensiva all'ospedale di Udine; 23 i ricoverati nel reparto di malattie infettive, dei quali 17 a Udine e 6 a Trieste. Per quanto riguarda le vaccinazioni, cominceranno entro il mese di ottobre, saranno vaccinati prima di tutto le persone a rischio, successivamente le altre.

Aggiornamento ore 17.10. Cancellato l'obbligo di tampone per chi arriva dalla Croazia, Grecia e Malta. È stato cancellato l'obbligo di sottoporsi a tampone per coloro che entrano in Italia provenienti dalla Croazia. La misura di sicurezza è abolita a partire da oggi, ed è estesa anche ai cittadini che entrano in Italia provenienti da Malta e dalla Grecia. Fino a ieri vigeva l'obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico all'ingresso in Italia.

Aggiornamento delle 16.30. Aumentano in modo netto negli ultimi 7 giorni i nuovi casi di Covid-19 e cresce il rapporto tra positivi e casi testati (4% contro 3,1% della settimana precedente). A dirlo è il monitoraggio svolto dalla Fondazione Gimbe per i 7 giorni che vanno dal 30 settembre al 6 ottobre. Dal punto di vista epidemiologico crescono i casi attualmente positivi (60.134 contro i 50.630 della settimana precedente) e, sul fronte degli ospedali, aumentano i pazienti ricoverati con sintomi (3.625 contro 3.048) e in terapia intensiva (319 contro 271). Ecco i dettagli.

Aggiornamento ore 15.55. Sassoli in autoisolamento, annullata visita al Vajont. Il presidente del parlamento europeo David Sassoli ha fatto ieri il test per il coronavirus ed il tampone è risultato negativo. Tutti gli appuntamenti della settimana saranno annullati. Secondo le disposizioni delle autorità sanitarie l’autoisolamento deve durare dai 7 ai 10 giorni, per questo il presidente del Parlamento europeo seguirà i lavori del Consiglio europeo della settimana prossima da remoto.

Aggiornamento ore 15.30. Record di contagi in Austria, Croazia e Slovenia. Cresce la curva dei contagi nei Paesi vicini. Nelle ultime 24 ore in Austria sono stati registrati + 1209 contagi, il numero più alto da inizio pandemia. Situazione similare anche in Slovenia e in Croazia. Qui tutti i dati.

Aggiornamento ore 13.30. Pronti i primi 5 mila test rapidi per le scuole. "La prima fornitura di 5mila test rapidi per il Covid-19 è stata destinata al sistema scolastico regionale al fine di rendere meno problematica possibile a studenti, famiglie, insegnanti e tutto il personale del comparto scuola questa fase di gestione dell'emergenza coronavirus. Questo strumento da un lato permetterà di dare una risposta veloce, ovvero in circa 20 minuti, a coloro che hanno sintomi riconducibili al Covid-19 e, dall'altro, eseguendo i test in loco, consentirà di non sovraccaricare i laboratori del sistema sanitario".

Fedriga: "Cinquemila test rapidi per la scuola"



Lo ha dichiarato il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga a margine della dimostrazione al Liceo "Dante Alighieri" di Trieste del funzionamento di uno dei 5mila test rapidi per l'individuazione del Covid-19 forniti alla Regione. All'iniziativa hanno partecipato anche il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, e all'assessore all'Istruzione, Alessia Rosolen. Qui tutti gli aggiornamenti.

Aggiornamento ore 11.30. Fedriga: rivedere i patti e assegnare più competenze al Fvg. Ridurre il contributo del Friuli Venezia Giulia alla finanza pubblica per il 2020, trasferire il gettito del bollo auto, incrementare la quota regionale di compartecipazione all'Iva e trasferire alla Regione alcune funzioni amministrative tra cui quelle dell'Ufficio scolastico regionale e della Soprintendenza, nonché un nuovo ordinamento della Polizia locale. Sono alcune delle proposte che il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha rivolto ai ministri Francesco Boccia (Affari regionali e autonomie) e Roberto Gualtieri (Economia e Finanze) tramite una richiesta formale di revisione dell'accordo bilaterale in materia di rapporti finanziari tra lo Stato e la Regione siglato il 20 luglio scorso. Qui per approfondire.

Aggiornamento ore 10.30. I positivi nel Pordenonese: contagi a scuola e in caserma. Tre studenti positivi al Covid-19 nell’Isis Marchesini a Sacile: un’intera classe è finita, ieri, in quarantena. Tra loro c’è un giocatore della Prima squadra della Sacilese, che milita nel campionato di Promozione. La società sportiva, alla notizia del contagio di un proprio tesserato, ha immediatamente sospeso gli allenamenti e contattato la Lega nazionale dilettanti, nonché il Maniago/Vajont, la squadra contro cui avrebbe dovuto giocare domenica in trasferta: la partita è stata rinviata. Sempre a Sacile, il caso di un alunno positivo al Covid-19 nella secondaria Balliana-Nievo in viale Zancanaro: quattro studenti della classe in quarantena e altri tre nei corsi di recupero». Intanto alla caserma Baldassarre di Maniago si sono registrati due casi di militari positivi al coronavirus.Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento ore 9. Chiudono il ristorante da Gemma e l'ortofrutta Rigo a Pordenone. emma Polese e Gianni Rigo non immaginano il loro futuro senza ortofrutta e ristorante in viale Venezia, a pochi passi dall’Electrolux. Eppure il caratteristico striscione “Qui si mangia bene” per il momento è riposto in magazzino. Serrande abbassate dal 12 marzo scorso, ovvero dall’imposizione del lockdown. «Al momento non ci sono prospettive, gli aiuti promessi non sono arrivati, mentre le bollette e le tasse, quelle sì sono state puntuali. Se il Governo darà una mano concreta riapriremo».

Gianni Rigo, 76 anni, abita sopra il locale, le cui insegne sono spente e i locali sono smobilitati. Sceso da Dardago oltre quarant’anni fa, assieme a Gemma Polese aveva fatto di quel sito un punto di riferimento per pordenonesi e no.Qui la loro storia.

Aggiornamento ore 8.30. Palmanova, un positivo all'Istituto tecnico: classe a casa. Quasi una trentina di persone, tra insegnanti e allievi, oggi non varcherà le porte dell'Istituto Einaudi-Mattei di via Milano a Palmanova. Uno studente di una classe terza è infatti risultato positivo al Covid-19 e così sono scattati gli accertamenti anche per i suoi compagni e per i suoi insegnanti.«Tutta la classe - spiega il dirigente Oliviero Barbieri, dirigente dell'Isis della Bassa Friulana di cui i due istituti fanno parte - sarà sottoposta a tampone, per un totale di una ventina di ragazzi, cui si aggiungono otto insegnanti. Non appena ci sarà l'esito, cosa che richiederà qualche giorno, ci atterremo alle indicazioni del Dipartimento di Prevenzione per sapere chi potrà rientrare in classe e chi dovrà restare a casa». Qui per approfondire.

Aggiornamento ore 8.15. Tamponi in una scuola di Cividale. Pur ancora parziali, i risultati dei tamponi eseguiti negli ultimi due giorni su oltre 60 allievi della scuola media Elvira e Amalia Piccoli di Cividale sono incoraggianti: un’intera classe venuta in contatto con il docente di musica risultato positivo al Covid-19 e sottoposta al test martedì si è infatti rivelata virus-free. Gli altri dati, che riguardano ulteriori alunni esaminati la mattina di martedì – altre due classi convocate ieri al Dipartimento di prevenzione di Udine – e sette insegnanti dell’istituto sono attesi per oggi.

La prima tornata di tamponi aveva coinvolto, lunedì, 13 studenti, accertando un caso di positività, al quale si era unita quella di un secondo insegnante di educazione musicale. Complessivamente, dunque, sfiorano l’ottantina i componenti della comunità scolastica chiamati a fare l’accertamento. Qui l'articolo.

Aggiornamento ore 8. Due alunni e un docente positivo a Moruzzo. Lezioni sospese per un’intera classe della scuola primaria “Ermes di Colloredo” di Moruzzo dopo che due alunni e un’insegnante sono risultati positivi al coronavirus. Quasi una ventina di bambini resteranno a casa intanto fino a domani. E poi i vertici dell’istituto, in collaborazione con il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria, valuteranno come procedere prendendo in considerazione tutti i fattori, compresi i giorni di assenza già effettuati. Per tutte le altre otto classi dell’istituto, invece, l’attività didattica prosegue normalmente. Qui per approfondire.

Aggiornamento ore 7.45. Ventuno casi a Rivignano. Il comune di Rivignano Teor deve fare i conti attualmente con 21 positivi da coronavirus (da settembre quelli registrati sono stati 28, 7 sono guariti) dei quali due sono bambini. Tutti sono in isolamento. La metà dei casi riguarda tre famiglie: in una sono sei le persone che hanno contratto il virus. Alcuni di questi contagi potrebbero essere stati contratti dopo il soggiorno da familiari o per trascorrere un periodo di vacanza nei Paesi dall’Est di cittadini stranieri poi rientrati nel centro del Medio Friuli. Una decina, invece, le persone che attualmente sono in quarantena a casa perché entrate a contatto con positivi. Qui tutti gli aggiornamenti.

CORONAVIRUS, PER APPROFONDIRE:

Aggiornamento ore 7.30. Quando indossare le mascherine, la guida. Mascherine all’aperto sempre da indossare, da Nord a Sud, su tutto il territorio nazionale. Ma con alcune eccezioni per luoghi ed età. Con un provvedimento di quattro pagine e sette articoli — che arriva nel giorno in cui il numero di nuovi contagi in Italia torna a superare, dopo mesi, quota 3600 — il governo prova a risolvere il pasticcio legislativo innescato dalle assenze di martedì alla Camera. Ecco allora tutte le regole per evitare di essere sanzionati per il mancato uso della mascherina. La multa prevista va da 400 a 1.000 euro.Leggi la nostra guida.

Aggiornamento ore 7. I controlli a Udine.  Raffica di sanzioni a bar e ristoranti per il mancato rispetto delle norme anti Covid-19 in tutta la zona di Borgo Stazione a seguito dei controlli eseguiti dai carabinieri nel pomeriggio e durante la serata di martedì. Le sanzioni superano i 12 mila euro. Sono stati fermati 17 veicoli e controllate in tutto 65 persone. Cinque i titolari di locali denunciati o multati. Qui per approfondire.

L'ultimo bollettino. Contagi sempre in salita in Friuli Venezia Giulia: ieri l’infezione da coronavirus ha colpito altre 72 persone. È il numero più alto dalla fine del lockdown, non si registrava dallo scorso 16 aprile. Tra gli infettati ci sono anche due bambini di pochi mesi, studenti e alunni di varie scuole della regione. Oggi negli istituti scolastici di Trieste parte la sperimentazione dei test rapidi, domani sarà la volta di Udine e Pordenone. Qui per approfondire.

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi