In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

«Così la situazione è sotto controllo». Ma non tutti sono d'accordo con le limitazioni: così Sappada ha reagito all'ordinanza

1 minuto di lettura
Chiusura dei locali e degli esercizi commerciali a Sappada 

SAPPADA. Sappada non è stata dichiarata zona rossa, come lasciavano presagire le comunicazioni dei giorni scorsi. «Non sussistono i presupposti per un provvedimento così estremo e la situazione è sotto controllo», ha riferito il sindaco della località montana Manuel Piller Hoffer al termine del vertice svoltosi ieri pomeriggio tra l’amministrazione, i rappresentanti del dipartimento di prevenzione e della Protezione civile regionale. Nella comunicazione inviata ai suoi compaesani ha dichiarato che «i provvedimenti adottati nell’ordinanza, uniti ai tamponi che eseguirà il Servizio di prevenzione, dovrebbero consentire di contenere l’ulteriore diffusione del contagio e, in ogni caso, di avere un quadro realistico della situazione a Sappada».

Piller Hoffer ha annunciato l’istituzione di un Centro operativo comunale della Protezione civile che, da oggi, fornirà informazioni al numero verde 800-500-300. «Sono certo – ha concluso il suo messaggio ai sappadini il primo cittadino di Sappada – che la concordia che abbiamo sempre dimostrato nei momenti difficili ci consentirà di superare anche questa crisi».

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Troppi contagi e Sappada si ferma: chiusi bar, alberghi e case vacanze. L'ordinanza spiegata punto per punto]]

Il provvedimento dell’amministrazione di Sappada deciso ieri, dopo due giorni di serrato dialogo con Regione e Protezione civile, è stato accolto positivamente dai sappadini, sebbene non fosse matura in paese la piena consapevolezza di una situazione preoccupante. «Non capisco perché ci si sia allarmati a tal punto, dopotutto si registrano solo tre casi in più rispetto a un mese fa», commenta un sappadino al banco di un bar che, da oggi, come tutti gli altri della località montana, rimarrà chiuso fino al 2 novembre. Il presidente del consorzio turistico Fabrizio Piller Roner ritiene che, tutto sommato, questo sia il momento migliore per chiudere non essendo un periodo particolarmente intenso dal punto di vista turistico e dichiara: «È palese che questa epidemia stia colpendo alcune categorie al 100%, tra cui commercio e turismo ed altre quasi per nulla. È lodevole l’impegno evidenziato dell’amministrazione di andare in soccorso alle categorie che a Sappada subiranno le conseguenze delle restrizioni, ma ci aspettiamo adeguati ristori dei danni anche dal governo regionale e nazionale».

Nel pomeriggio di ieri molto calda è stata la linea WhatsApp dei due gruppi delle classi 2ª e 3ª della scuola media: tra venerdì e sabato 32 studenti si sono sottoposti al test ed entro ieri si aspettavano di ricevere l’esito degli stessi per capire se oggi sarebbero potuti andare a scuola. Solo nella serata è arrivata la conferma della negatività di tutti i test.

CORONAVIRUS, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE IL PUNTO DELLA SETTIMANA

I commenti dei lettori