Nove positivi al coronavirus, sette in isolamento

TARCENTO. Scendono a 9 i casi di contagio a Tarcento: uno di questi riguarda un bambino di 3 anni. I dati sono stati diffusi venerdì da parte dell’amministrazione comunale attraverso l’applicazione “Municipium”, dopo aver ricevuto l’aggiornamento da parte dell’Azienda sanitaria e presentati venerdì sera in consiglio comunale dal vicesindaco Luca Toso.

«Abbiamo 9 persone positive e 7 in isolamento – ha affermato Toso nel corso della seduta –: nessuno di loro, fortunatamente, è ospedalizzato. Le età dei contagiati sono molto diverse, da una persona nata nel 1937 a un bambino di 3 anni. Non ci sono, dunque, casi gravi e le persone sono tutte seguite dal Dipartimento di prevenzione».


Il numero dei contagi a Tarcento è diminuito rispetto all’ultima rilevazione, una settimana fa, quando erano 13 i cittadini colpiti dal coronavirus. Ora, dunque, sono scesi a 9. Tre le famiglie coinvolte, che contano rispettivamente un positivo e uno in quarantena, due positivi e due in quarantena e, infine, un positivo e uno in quarantena.

I nuovi positivi sono quindi 4, mentre gli altri 5 fanno parte del gruppo segnalato una settimana fa, che risultano asintomatici. Il bambino di tre anni fa parte di una delle famiglie coinvolte. Il piccolo non presenta preoccupanti e il personale sanitario ha già provveduto a verificare che non ci sia stato un contatto tra lo stesso e la scuola materna. Nessun contagio alla casa di riposo “Pio Cojaniz”, alla quale è stata assegnata una targa per la gestione in tempi di coronavirus.

«Dalle scuole – ha dichiarato ancora il vicesindaco Toso – al momento non abbiamo indicazioni di contagio, che possano indurre a creare interruzioni dell’attività didattica. È un segno che i protocolli concordati con la direzione scolastica stanno funzionando e, a ogni modo, sapremo come affrontare qualsiasi emergenza».

Le cause degli attuali contagi sono varie, per lo più dovute agli spostamenti per lavoro di un componente dei nuclei familiari. A Tarcento una parte della popolazione residente è di origine straniera: la maggior parte di spostamenti nel paese natale si è registrato nei mesi estivi, mentre e in questo periodo è la vita lavorativa a determinare più movimenti.

«La situazione – ha detto, in conclusione, il vicesindaco Luca Toso – è comunque tenuta sotto controllo. A Tarcento abbiamo registrato un solo caso di persona colpita duramente dal coronavirus, che al termine è guarita e ciò è avvenuto ancora a marzo». —


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi