Positivo un tecnico di radioterapia al Cro

In provincia altri 42 contagi: coinvolte scuole a Pordenone e Porcia, caso in azienda a Brugnera

AVIANO. Sono 42 i nuovi casi di positivi in provincia di Pordenone rilevati tra sabato 17 e domenica 18 ottobre. Nuovi contagi a scuola a Porcia e Pordenone. Positivo anche un operatore sanitario del Cro.

Domenica il numero delle persone positive al Covid-19 in provincia di Pordenone ha raggiunto quota mille 361 (dall’inizio dell’epidemia). I nuovi positivi sono 42 (su dati diffusi ieri dalla Regione Friuli Venezia Giulia).



Al Cro di Aviano è risultato positivo un tecnico di radioterapia. Il contagio è avvenuto in ambito familiare. Quando è arrivata la notizia, l’operatore è stato sottoposto a tampone e mandato a casa precauzionalmente. Era stato sottoposto a test pochi giorni prima perché al Cro sono previsti tamponi a rotazione ogni 15 giorni a tutto il personale. Attivate tutte le misure di salvaguardia e adesso saranno applicati tutti i protocolli del caso. Al Cro i tecnici lavorano con tutti i dispositivi di protezione individuale previsti. È il secondo caso, al Cro, dall’inizio dell’epidemia.


Due gli alunni positivi dopo lo screening rapido rino faringeo all’istituto comprensivo di Porcia. Venerdì 16 ottobre il Dipartimento di prevenzione di AsFo (Azienda sanitaria Friuli Occidentale) ha avviato i test dopo la scoperta di un insegnante che era risultata positiva. Sono stati sottoposti a test tutti gli alunni delle classi della maestra, circa 160 alunni. Verifica anche per 25 insegnanti.

Dallo screening è emerso che ci sono due alunni positivi e i tecnici del dipartimento di prevenzione hanno già adottato le misure del caso. Per i 40 istituti scolastici della provincia ci sono a disposizione 1.600 test rapidi. Per effettuarli servono l’autorizzazione dei genitori e la firma del consenso informato preventivo. Contagiati a Pordenone anche uno studente del liceo Grigoletti e una insegnante dell’istituto Flora. Anche in questo caso previste le misure di controllo. In tutta la provincia aumentano i casi di quarantene fiduciarie per gli studenti per avere avuto contatti con amici o familiari risultati positivi.



Anche il mondo del lavoro non è fuori dal fenomeno Covid-19. Un dipendente di un’azienda di Brugnera è risultato positivo. Il medico competente lo aveva sottoposto a un test rapido. Un successivo test molecolare ha confermato il contagio.

CORONAVIRUS, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE IL PUNTO DELLA SETTIMANA

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi