Sabato 24 concerto della speranza Musica dal campanile del duomo

Da Società Operaia e Comune un abbraccio virtuale ai pordenonesi Alle 17 le note si diffonderanno in Contrada e in diretta Facebook 

l’iniziativa

La cella campanaria del Campanile San Marco diventa megafono di un messaggio di speranza rivolto alla città. Con questo spirito sabato 24 ottobre alle 17, la Storica Società Operaia di Mutuo Soccorso e Istruzione di Pordenone in collaborazione con il Comune, organizzano un concerto per violino solo con protagonista il giovane musicista pordenonese Davide Musolla.


Il concerto si terrà nella cella campanaria del Duomo di San Marco ma sarà amplificato lungo tutto corso Vittorio Emanuele II e virtualmente ben oltre, grazie alla diretta streaming sulle pagine facebook del Comune e della Storica Società Operaia (@Somsipn). Il giovane violinista Davide Musolla eseguirà brani dall’elevato valore simbolico, ovvero l’Inno di Mameli, l’Aria sulla quarta corda di Bach, l’Ave Maria Gounod, la versione strumentale della canzone Con te partirò di Bocelli e la Meditazione dal Thais di Massenet. Sarà un abbraccio alla città, un invito alla solidarietà, alla reciprocità e all’unità dopo aver vissuto mesi di grande difficoltà e alla vigilia di un inverno altrettanto preoccupante che non smette di suscitare profonda apprensione. Le note del violino verranno trasmesse in filodiffusione lungo tutta Contrada Maggiore.

«In un periodo così difficile, denso di apprensione e timori per il perdurare della pandemia la Storica Società Operaia e l’amministrazione comunale presentano un particolare quanto insolito incontro musicale, proprio per il luogo dove si terrà la performance musicale – spiega Rosa Saccotelli Pavan, presidente dell’Operaia – Come titolo per questo appuntamento denso di significato, di speranza e di emozioni, abbiamo scelto “Per cantare un canto nuovo” tratto da uno scritto di Sant’Agostino».

Il concerto sarà preceduto dagli interventi del sindaco Ciriani e di Saccotelli Pavan, sul sagrato del duomo. Il concerto è stato anticipato martedì scorso da una conferenza dedicata al duomo e al suo campanile a cui è intervenuto Arturo Busetto, ingegnere e autore trent’anni fa del restauro della chiesa e della torre campanaria, e l’avvocato Francesco Longo appassionato di storia dell’arte, grazie al sostegno di Itas Assicurazioni, Costam e Gsm e alla collaborazione dell’Accademia Musicale di Pordenone. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi