La proposta del governo: stop a palestre e piscine, bar e ristoranti chiusi dalle 18. Ma le Regioni insorgono: si tratta

✉ CORONAVIRUS, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE IL PUNTO DELLA SETTIMANA

Un vertice lungo, circa quattro ore, nel quale si sono affrontati diversi temi, dalla chiusura dei locali agli spostamenti fra le regioni. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha riunito i capi delegazione e i ministri di governo sulle nuove misure da mettere in campo per fronteggiare la recrudescenza dell’epidemia di Covid-19.

Un lavoro lungo e articolato nel quale, stando a quanto viene riferito, si sarebbe discusso degli spostamenti fra le regioni e presa in considerazione l’opportunità o meno di tenere aperte le attività non essenziali, come le palestre.

Stop anche a piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Al vaglio anche l’idea di una chiusura anticipata, alle 18, di locali come pub e ristoranti, bar e gelaterie. Temi che saranno ora al centro della riunione del Comitato tecnico scientifico che supporta Palazzo Chigi nel lavoro di contenimento del virus e, in un secondo momento, le Regioni attese a un vertice con il ministro Speranza.

Le nuove misure anti-Covid entreranno in vigore dal 25 ottobre. È quanto prevede la bozza - provvisoria - del Dpcm che il governo si accinge a varare. Nel testo, invece, non è individuato il lasso di tempo per il quale le misure saranno valide.

Nella bozza, infatti, è indicato il mese di «novembre» ma non è segnato il giorno. Il possibile stop a ristoranti e bar dopo le 18 decorrerà, invece, da lunedì 26 ottobre. Va, comunque, precisato che il testo del nuovo provvedimento non è definitivo: potrebbero ancora esserci modifiche sostanziali.

Sono, altresì, sospese «le procedure concorsuali pubbliche e private, ad esclusione dei casi in cui venga effettuata la valutazione dei candidati esclusivamente su basi curriculari o in maniera telematica».

«Sono sospesi i convegni, i congressi e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza. Nell'ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza».

E ancora: "Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all'aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose. Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza. Sono vietate le sagre, le fiere e gli altri analoghi eventi".

Per tutte le attività penalizzate dalle nuove misure anti-Covid verrà previsto - secondo quanto si apprende - immediato ristoro economico con un decreto da approvare già la prossima settimana. Ed ecco qui la bozza.

Ma le Regioni non ci stanno e chiedono: orario di chiusura di bar e ristoranti alle 23 con servizio al tavolo e alle 20 senza servizio e inserimento già nel Dpcm del ristoro economico per le attività colpite dalle misure.

I presidenti chiedono anche la revisione del sistema delle attività di contact tracing, che non dovrebbero essere più obbligatorie, nonché di inserire due ulteriori raccomandazioni sull'esecuzione dei test antigenici e sull'assistenza domiciliare ai pazienti.

Alle Regioni dovrebbe poi esser lasciata la discrezionalità di decidere la didattica a distanza al 100% per le scuole superiori e di poter disporre delle riaperture sulla base dei dati epidemiologici.

LA BOZZA DEL NUOVO DPMC AL VAGLIO DEL GOVERNO

ultimora_bozza dpcm by Flavio Nanut

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi