Aumentati i fondi per i buoni spesa: 200 le richieste

TOLMEZZO

I buoni di “Una spesa in comune” restano lo strumento preferito dalle famiglie per implementare la propria possibilità di spesa». Lo dice con soddisfazione la vicesindaco di Tolmezzo, Fabiola De Martino. Quest’anno il Comune ha quadruplicato i fondi: 40 mila euro. Anche il tetto Isee per i beneficiari era stato alzato: da 8 a 15 mila euro. Così le domande sono più che raddoppiate superando le 200 unità. A ogni beneficiario vanno buoni per un importo di circa 190 euro. I buoni sono ritirabili all’ufficio protocollo del Comune dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il lunedì e il giovedì anche dalle 17 alle 18. «Abbiamo cercato in tutti i modi – assicura De Martino – di arrivare alle famiglie, tramite i canali di informazione, la radio, i social, internet, il passaparola e in ultimo anche con sms dedicati e destinati alle famiglie che storicamente utilizzavano la carta famiglia: desideravamo raggiungere quanti più destinatari possibile». Gli esercizi commerciali tolmezzini che hanno aderito sono stati 35, in linea con gli anni precedenti, ma con new entry importanti su grande distribuzione alimentare, catene di abbigliamento e arredo per la casa. I buoni spesa possono essere spesi solo nei negozi della città aderenti all’iniziativa. «Anche con i commercianti –dice la vicesindaco – abbiamo fatto un lavoro di passaggio in prima persona portando i moduli, spiegando l’iniziativa e caldeggiando una adesione: ci rendiamo conto che spesso l’utenza cui ci rivolgiamo può prediligere un certo settore commerciale, tuttavia l’adesione non comporta alcuna spesa o seccatura per l’esercizio ma amplia la possibilità di spesa del consumatore. Riteniamo che con 40 mila euro a disposizione tutto quello che può arrivare sia buono. Già l’anno scorso poi avevamo iniziato con un’apertura rispetto agli artigiani che esercitano servizi alla persona, quest’anno lo abbiamo confermato con ancor più convinzione essendo tra le categorie che hanno subìto obbligo di chiusura nel periodo del lockdown: ci dispiace che solo pochissimi abbiano aderito. I buoni possono essere spesi dal 5 ottobre al 15 novembre, già dal 16 novembre possono essere portati in Comune per il rimborso con accredito su conto corrente entro dicembre». —




Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi