Chiude prima “Udine sotto le stelle” E nel 2021 coinvolgerà le periferie

Era in programma fino al 31 ottobre. L’assessore: «La città ha risposto bene, diventando più vivace»



“Udine sotto le stelle” chiude e dà appuntamento al prossimo anno, quando potrebbe essere estesa anche alle periferie. Questo, almeno, è l’auspicio dell’assessore comunale ai Grandi eventi, Maurizio Franz. «Gli operatori hanno deciso di anticipare la fine della manifestazione, inizialmente prevista al 31 ottobre, visto che le condizioni climatiche non sono più ottimali. Almeno per le cene all’aperto. Andrà avanti fino a fine mese solo largo dei Pecile, dove i locali sono più vocati all’aperitivo».


L’assessore non nasconde una certa soddisfazione per come si è sviluppata “Udine sotto le stelle” negli ultimi mesi, riuscendo a conquistare anche i più scettici: «È stata una bella intuizione, nata subito dopo il lockdown per dare respiro alle attività economiche messe in ginocchio dall’emergenza Covid. Con il passare delle settimane l’evento ha saputo ritagliarsi uno spazio più importante, allargando i suoi confini e richiamando sempre più persone. Una formula da ripetere senza dubbio, anche perché ha trasformato Udine in una città viva e vivace».

Migliaia le persone che nei fine settimana hanno affollato via Poscolle, via Gemona, via Aquileia, largo dei Pecile, via Grazzano, via Vittorio Veneto e via Mercatovecchio. «La manifestazione ha avuto successo anche perché la gente aveva bisogno di uscire e di trascorrere del tempo all’aria aperta». In effetti, soprattutto nelle settimane successive al lockdown, i cittadini hanno preferito evitare i luoghi al chiuso come i centri commerciali optando per il centro della città. «Per ripartire il prossimo anno mi auguro che arrivino nuove proposte da parte degli operatori, anche dalle periferie. Valuteremo caso per caso e siamo disponibili a un allargamento, con la raccomandazione che non basta chiudere la strada al traffico, ma è necessario proporre anche eventi».

Non è solo l’assessore a fare un bilancio positivo della manifestazione. Anche gli operatori descrivono come un successo l’edizione 2020 di “Udine sotto le stelle”: «Credo che l’evento abbia fatto bene a tutti: alla città, ai ristoratori, ai commercianti – afferma Massimo Quintavalle di borgo Poscolle –. Nei fine settimana abbiamo avuto punte di 3-4 mila persone, quindi siamo contenti. Per il futuro, contando di poter migliorare la manifestazione con musica dal vivo, vorremmo ripartire già ad aprile per andare avanti fino a settembre».

Stesso tenore anche per gli operatori di via Aquileia, Antonella Fierro, e di via Gemona, Massimo Di Prisco. «Nel 2021 la manifestazione va certamente riproposta, ma con dei correttivi», evidenziano. Per la famiglia Folegotto di via Vittorio Veneto, qualcosa da registrare c’è, pur se l’idea che sta alla base dell’evento resta condivisibile. —

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi