Covid-19, nuovi focolai nelle case di riposo: ecco la situazione nel Pordenonese

✉ CORONAVIRUS, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE IL PUNTO DELLA SETTIMANA

PORDENONE. Sono 99 i nuovi positivi al coronavirus rilevati, domenica 25 ottobre, in provincia di Pordenone: il numero complessivo sale quindi a 1.636. Resta critica la situazione nelle case di riposo. Un focolaio si è acceso alla residenza Le Betulle di Cavasso Nuovo (13 positivi) mentre si allarga quello nella struttura di San Quirino, dove si registrano contagi anche tra gli operatori.

Cavasso Nuovo

Nella casa per anziani di Cavasso Nuovo l’altra sera alcuni degli 83 ospiti hanno manifestato episodi febbrili: la direzione ha attivato il responsabile del governo assistenziale e la coordinatrice, che hanno monitorato temperatura e saturazione.

«In collaborazione col distretto sanitario e il dipartimento di prevenzione – ha detto la direttrice Maria Teresa Agosti – la notte scorsa sono stati eseguiti 24 test rapidi agli ospiti con febbre e ai compagni di stanza: 13 sono risultati positivi».

I familiari sono stati subito informati così come più volte in giornata. «I positivi sono stati isolati in un’ala separata e oggi è atteso il medico Usca per un monitoraggio generale e analizzare il quadro clinico di ciascuno». Gli 84 operatori sanitari e socio-sanitari erano stati sottoposti al test dieci giorni fa risultando negativi.

In virtù degli sviluppi, saranno nuovamente esaminati così come gli ospiti. Uno nella notte è stato portato in ospedale a causa di un quadro clinico complicato «a prescindere dal Covid-19».

San Quirino

Resta critica la situazione alla residenza “Ada e Alfredo Arcicasa” di San Quirino. Tra gli operatori della struttura, riferisce il sindaco Gianni Giugovaz, risultano quindici contagi e uno in più rispetto al giorno prima tra gli ospiti.

«La situazione si complica. Si tratta di un focolaio importante – tira le somme in serata il primo cittadino – che stiamo cercando di contenere e assistere. Intanto abbiamo trovato personale sostitutivo, anche tra i pensionati disponibili, per garantire la continuità assistenziale.

Difficile ipotizzare il trasferimento degli ospiti in quanto le altre strutture, come la Rsa di Sacile, sono sature. Sono stati eseguiti isolamenti per evitare l’espandersi del contagio». Dei 44 posti disponibili, alla residenza di San Quirino sono 39 quelli occupati. Gli ospiti positivi sono 20, uno più del giorno prima (quando era asintomatico), e uno è stato ricoverato nella notte in ospedale con sintomi importanti. «Faremo ancora tamponi sia ai negativi sia al personale».

Gli altri casi

Tra il personale infermieristico del Santa Maria degli Angeli di Pordenone risulta positivo un operatore della nefrologia. Nel sistema scolastico sono risultati positivi uno studente del liceo Majorana e uno dell’Opera Sacra famiglia; entrambi gli istituti hanno sede in città. —


 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi