Il parco cambia nome Liva attacca il Comune

roveredo in piano

L’esponente del Pd Renzo Liva critica la decisione del Comune di cambiare il nome dell’area nei pressi delle vecchie scuole che d’ora in poi si chiamerà “Parco della Rimembranza”.


«Per tutti i roveredani – dice – è sempre stato il cortile delle scuole. Generazioni di alunni, generazioni di maestre e maestri. Vogliamo ricordarne alcuni, quelli della mia generazione? La carissima maestra Gasperini, la Ellero, la Mongiat, la notissima Teresina Degan, poi prestigiosa preside dei geometri a Pordenone. E non vogliamo ricordare il maestro Del Piero? Per tutti noi nati dopo la guerra, cortile delle scuole, campo di calcio pomeridiano, poi per tanti anni abbandono, degrado infine il recupero dell’edificio affidato alle associazioni, il recupero dell’area e la trasformazione del cortile in un parco pubblico e in un parcheggio su via Julia».

Nel 2008 il nome: «Apparve naturale – ricorda – dedicarlo alla figura mitica della maestra, delle maestre delle scuole elementari, una figura materna e civile insieme. E dunque il Parco della Maestra. Ma in Comune, in questi giorni, fra le cose urgenti di cui occuparsi hanno resuscitato il nome e l’uso voluto per quell’area dal regime fascista nel 1926. Quindi via la dedica alle Maestre ora sarà “Parco della Rimembranza”. Ruolo svolto con grande dignità, onere e centralità dall’importante Monumento in piazza Roma. Nel ricordare al vigoroso assessore Barbariol che il recupero dell’area, dell’edificio e perfino della lapide ricordo dei caduti della facciata è opera delle giunte di centrosinistra, auspichiamo che accanto alla nuova intitolazioni ci voglia risparmiare gli esercizi ginnici del sabato fascista». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi