Il bollettino in Fvg: stabili i nuovi contagi (+334), cresce il numero dei pazienti in terapia intensiva. Tutti gli aggiornamenti ora per ora

🔴 TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, ORA PER ORA DAL FRIULI E DALL'ITALIA

Aggiornamento ore 19. In piazza a Trieste contro i divieti del governo. Una folla di migliaia di persone ha “invaso” piazza Unità a Trieste, lunedì 26 ottobre, a partire dalle 18, per protestare contro le limitazioni imposte dal Dpcm agli esercenti. Presenti lavoratori del settore della ristorazione, delle palestre e liberi professionisti.

«Non siamo untori ma lavoratori», lo slogan scandito a gran voce, tra, gli applausi dai manifestanti. E poi: «Non fateci chiudere, così ci state massacrando».

Presenti il governatore Massimiliano Fedriga e il sindaco Roberto Dipiazza che nei loro interventi hanno criticato duramente le misure del governo.Qui l'articolo.

Aggiornamento ore 18.40. Gli artigiani: il governo faccia dietrofront. Il Governo faccia dietrofront, perché è una penalizzazione ingiustificata quella che il Dpcm, firmato dal presidente del consiglio domenica 25, scarica sul Friuli Venezia Giulia.

La situazione qui è di tutt'altra gravità rispetto a Lombardia e Liguria e appare dunque insensato che la nostra regione debba pagare l'alto prezzo di misure anti Covid che un effetto certo lo avranno: danneggiare una volta in più l'economia».

Lo ha detto il presidente di Confartigianato-Imprese Udine, Graziano Tilatti, guardando i dati elaborati a stretto giro del Dpcm dall'ufficio studi dell'associazione, secondo i quali il 10% delle localizzazioni in regione «paga dazio al nuovo provvedimento».Queste le dichiarazioni del presidente degli artigiani.

Aggiornamento ore 18.30. Tre decessi per Covid-19 in Fvg.  Per quanto riguarda i dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, i decessi registrati sono quelli di tre donne: una nata nel 1979, di Trieste, una del 1947 e un'altra del 1926, entrambe di Pordenone. C'è un focolaio in una casa di riposo e diversi contagi fra gli operatori sanitari. Ecco il dettaglio.

Aggiornamento ore 18. Locale non rispetta i divieti del Dpcm: chiuso per cinque giorni. Un esercizio pubblico di Zoppola "La Piazza Caffè" è stato chiuso per cinque giorni (e il titolare multato) dai carabinieri perchè era risultato aperto durante la notte tra il 25 e il 26 ottobre, non rispettando i limiti imposti dal Dpcm del 18 ottobre. Qui i dettagli.

Aggiornamento ore 16.30. Oggi sono stati rilevati 334 nuovi contagi (3.087 tamponi eseguiti) e 3 decessi da Covid-19 in Friuli Venezia Giulia. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 8.495, di cui: 2.823 a Trieste, 3.062 a Udine, 1.672 a Pordenone e 867 a Gorizia, alle quali si aggiungono 71 persone da fuori regione.

I casi attuali di infezione sono 3.312. Salgono a 27 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 119 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 377, con la seguente suddivisione territoriale: 203 a Trieste, 85 a Udine, 78 a Pordenone e 11 a Gorizia. I totalmente guariti sono 4.806, i clinicamente guariti 27 e le persone in isolamento 3.139.

 

Aggiornamento ore 15.30. Contagi nelle scuole di Udine. Continuano ad emergere nuove positività in ambiente scolastico: tre classi (e i relativi docenti) sono attualmente in isolamento, in attesa di tampone. Allo Stellini uno studente è risultato positivo ieri. In attesa di indicazioni del Dipartimento di prevenzione, il dirigente, per precauzione, ha disposto che la classe e tutti gli insegnanti che erano entrati a contatto con la classe nelle ultime 48 ore di frequenza dello studente risultato positivo rimanessero a casa. Questa è la quarta classe del liceo classico ad incontrare il virus.

Alla elementare Fritz, parte del sesto comprensivo cittadino, invece, due sono le classi in isolamento in seguito alla positività riscontrata in un insegnante prima del fine settimana scorso. I tamponi sono stati eseguiti ieri sera. In attesa del responso del tampone i bimbi rimangono a casa.

Aggiornamento ore 15. Apre la palestra nonostante il divieto, multata. Ha aperto la sua palestra, nonostante il divieto sancito con l'ultimo Dpcm di Conte che chiude, da oggi, lunedì 26 ottobre, fino al 24 novembre tutte le attività ritenute non "essenziali". E per questo motivo, Alessandra Filippi, giovane titolare della palestra Fit and furious di via Roma a Maniago, ha ricevuto una multa da 400 euro (280 se la paga in cinque giorni). Le parole della titolare.

Aggiornamento ore 14. La protesta parte da Codroipo. Vuole fare sentire la sua voce. Con equilibrio, serietà, rispetto. La voce di chi da 18 anni gestisce una enoteca in centro a Codroipo. Di chi ha superato il lockdown, ha riaperto, ha rispettato tutte le regole e ora si trova a dover chiudere la propria attività “proprio quando noi iniziamo a lavorare, all’ora dell’aperitivo”. Qui le parole di Elisa Degano, titolare di un'enoteca di Codroipo.

Aggiornamento ore 13.30. Positivo il sindaco di Casarsa della Delizia. È risultato positivo al test rapido per Sars-Cov-2 il sindaco di Casarsa della Delizia Lavinia Clarotto, mentre il municipio è stato chiuso stamattina per la positività di un dipendente.

Clarotto ha comunicato la positività ai cittadini con un video su Facebook. Ha raccontato di essersi svegliata con sintomi particolari e di non sentire gli odori, ha informato il suo medico curante. L’ha sottoposta a test rapido che ha dato esito positivo. Immediatamente ha fatto rientrare a casa tutti i suoi familiari. “Adesso - ha detto - attendo informazioni dalla azienda sanitaria. Non so dove posso averlo contratto perché sono sempre stata rispettosa delle regole. Spero di non avere contagiato nessuno”.

Il municipio di Casarsa della Delizia è stato chiuso oggi, lunedì 26 ottobre, dopo la notizia che il dipendente di un ufficio è risultato positivo: era  casa da qualche giorno per il contagio di un familiare e ieri è arrivato l’esito del suo tampone. Tutti i dipendenti e la giunta saranno sottoposti nel pomeriggio a test rapido e tra stasera e domani mattina l’edificio sarà sanificato.

Aggiornamento ore 12.40. Burioni:«Se il vaccino AstraZeneca funziona, siamo all’ultimo chilometro» «Ancora non sappiamo se un vaccino funzionerà. Ma tra pochissimo lo sapremo e speriamo siano buone notizie». Così l’immunologo Roberto Burioni in un post su Facebook a commento della notizia, rilanciata da Financial Times, sul vaccino anti Covid di AstraZeneca e Oxford che genera una «forte risposta immunitaria» negli anziani e definita «fantastica» per la copertura che darebbe al gruppo più esposto. «Non è possibile fare alcuna previsione sulle date, ma teniamo duro perché potremmo essere davvero all’ultimo chilometro di una difficilissima tappa in salita, e se non molliamo possiamo vincerla», la sua conclusione.

Aggiornamento ore 12.15. In Alto Adige bar chiusi alle 20 e ristoranti alle 22. In Alto Adige da domani coprifuoco tra le 23 e le 5, chiusura anticipata per bar e ristoranti (ma solo alle 20 e 22), da mercoledì 50% di didattica a distanza alle scuole superiori.

 "Il numero delle persone positive al Covid-19 stanno rapidamente aumentando in tutta Europa, in tutta Italia e in tutto l'Alto Adige. Dobbiamo intervenire subito con misure più incisive per fermare la catena dei contagi e ridurre la pressione su ospedali e strutture sanitarie, cercando comunque di salvaguardare il più possibile scuole e attività economiche".Qui il punto da Bolzano.

Aggiornamento ore 12. “Pieno appoggio al presidente Fedriga, come lui riteniamo che il Dpcm firmato da Conte sia eccessivo per il Friuli Venezia Giulia. Il contagio nella nostra regione non è lo stesso della Lombardia, siamo stati penalizzati immotivatamente”. Così il presidente di Confartigianato-Imprese Udine ed Fvg, Graziano Tilatti, a margine della consultazione online con il governatore Massimiliano Fedriga che ha visto partecipare oltre a Confartigianato anche i vertici di Cna e Confapi. Tilatti ha invitato le imprese colpite dalle nuove restrizioni a tener duro confermando il massimo sostegno possibile da parte dell’associazione (Qui la video intervista)

DUE STORIE SUL TEMA

Aggiornamento ore 11.30. Sipario su cinema e teatri. Una mazzata che, nonostante le avvisaglie, nessuno si aspettava. La decisione del Governo di chiudere fino al 24 novembre cinema e teatri ha spiazzato tutti. Se è vero che la curva dei contagi è in continua crescita, c’è anche da dire che tra i posti meno a rischio ci sono i cinema e i teatri. Lo ha rivelato, poco tempo fa, un’indagine commissionata dall’Agis, Associazione generale italiana dello spettacolo: su 347.262 spettatori in 2.782 spettacoli tra lirica, prosa, danza e concerti, con una media di 130 presenze per ciascun evento, nel periodo che va dal 15 giugno (giorno della riapertura dopo il lockdown) ad inizio ottobre è stato registrato un solo contagio da Covid sulla base delle segnalazioni pervenute dalle aziende sanitarie territoriali. Le reazioni dal Friuli.

Aggiornamento ore 10.30. Cosa dicono i dati del Friuli Venezia Giulia. Ci consoliamo dicendo che oggi il numero dei pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e negli altri reparti ospedalieri del Friuli Venezia Giulia è ancora abbastanza basso, riferendoci per il paragone ai numeri in effetti molto più alti di fine marzo-inizio aprile, ossia nel momento più critico della pandemia. Ma se solo spostassimo lo sguardo alla settimana in cui venne imposto il lockdown (quella del 9-15 marzo), il nostro "ottimismo" comincerebbe a vacillare (Qui il focus sull'analisi dei dati).

Aggiornamento ore 9.30. Tolmezzo, focolaio in casa di riposo. Crescono i contagi all'Asp della Carnia San Luigi Scrosoppi di Tolmezzo: agli 11 precedenti si aggiungono ora 43 nuovi positivi al Covid, metà tra gli ospiti e metà tra gli operatori sanitari.In queste ore si attende l'arrivo di un'altra cinquantina di esiti che riguardano sia pazienti che personale.La situazione a Tolmezzo.

Aggiornamento ore 9. Vicesindaco positivo a Povoletto. Escalation di contagi in Comune di Povoletto, che a ieri annoverava 18 casi di accertata positività al Covid-19 – fra loro anche il vicesindaco Paolo Marchina, che proprio oggi sarà sottoposto al secondo tampone – e altri 19 cittadini in quarantena: un numero considerevole, fatte le proporzioni con il totale degli abitanti, all’incirca 5.600, tant’è che il sindaco Giuliano Castenetto invita la popolazione alla «massima prudenza». Il punto da Povoletto.

Aggiornamento ore 8.45. Primo giorno di scuola dopo il Dpcm. Ecco cosa cambia. I presidi hanno un giorno di tempo per riorganizzare la didattica e garantire almeno il 75 per cento delle lezioni online come prevede il Dpcm firmato, ieri, dal presidente Conte. Oggi gli studenti seguiranno l’orario in vigore, ma da domani la maggior parte di loro tornerà nell’aula virtuale del computer. In rete, attraverso contatti telefonici e e-mail risponderanno anche gli operatori sanitari: stamattina debutta, infatti, il numero telefonico 0432 926500 e l’indirizzo e-mail covid.scuole@protezionecivile.fvg.it attivati dalla Regione per consentire ai dirigenti scolastici e agli insegnanti di chiarire in tempo reale tutti i dubbi di natura sanitaria. Qui la nostra guida.

Aggiornamento ore 8.30. Positivo un calciatore a San Giorgio. È risultato positivo al Covid-19 un giocatore della Società Sportiva Sangiorgina Calcio. È il motivo per cui la società, in collaborazione con la Fgic regionale, sabato ha rinviato a data da destinarsi il derby del campionato dilettanti di Prima categoria, girone B, contro il Gonars. Appena la squadra ha saputo del contagio, è scattato il protocollo sanitario ed è stata avvisata l’Azienda sanitaria Friuli Centrale. La notizia.

Aggiornamento ore 8. Chiuso il municipio di Forni Avoltri. C’è un dipendente comunale positivo al Covid-19: il municipio di Forni Avoltri dovrà restare chiuso oggi e domani. È stata disposta anche la sospensione del servizio di trasposto scolastico in attesa dell’esito dei tamponi cui sono stati sottoposti gli altri dipendenti comunali.

L'ultimo bollettino. Sono stati rilevati 334 nuovi contagi (3.800 tamponi eseguiti) e 2 decessi da Covid-19 in Friuli Venezia Giulia. Entrambi i decessi sono avvenuti a Trieste e riguardano ospiti della Casa di riposo Moschion: nel primo caso di tratta di una persona del 1934 e nel secondo, già reso noto alla stampa ma inserito nel conteggio complessivo oggi a causa dei tempi di aggiornamento dell'anagrafe, di una persona del 1930. Qui il punto.

 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi