Luminarie di Natale in centro Assegnata la metà dei fondi

I 33 mila euro che avanzeranno saranno impiegati dal Comune  L’assessore Franz rassicura: «Centro e periferie saranno abbelliti»

Alessandro Cesare

Niente “corsa” alle luci di Natale in città, a tal punto che metà dei 60 mila euro messi a bando dal Comune non sono stati distribuiti. All’appello mancano Confcommercio, Camera di Commercio e Borgo Poscolle. Una decina , tra gruppi di vie e sodalizi vari, coloro che hanno risposto alla chiamata dell’assessore comunale ai Grandi eventi, Maurizio Franz, pronto a cofinanziare al 60% la spesa sostenuta per le luminarie.


«L’emergenza coronavirus non rende le cose facili alle attività economiche, ma nonostante tutto il centro della città, così come le periferie, saranno addobbati per il periodo natalizio». I fondi comunali saranno distribuiti tra Amici di Borgo Aquileia (5 mila euro), Amici di Via Mercatovecchio (4. 200 euro), Brainery Academy (per Largo dei Pecile, 5 mila euro), Borgo Grazzano (2. 928 euro), Borgo Gemona (3. 074 euro), piazza San Cristoforo (1. 980 euro), Ana Udine Sud (1. 500 euro), via Vittorio Veneto (1. 170 euro), Associazione Donatori di Sangue (1. 260 euro) e Pro Loco Paderno (438 euro).

La parte rimanente, circa 33 mila euro, sarà utilizzata direttamente dall’amministrazione per iniziative specifiche, come spiega Franz: «Oltre all’illuminazione di palazzo D’Aronco e di piazza Libertà, posizioneremo una cascata di luci su palazzo Morpurgo e utilizzeremo il video mapping sulle facciate della stazione, di piazza XX Settembre e della chiesa di San Francesco, in piazza Venerio. Non solo, insieme agli operatori della piazza, stiamo lavorando per illuminare San Giacomo, e anche in castello ci sarà qualche novità». Delle luminarie di via Mercatovecchio si occuperà il gruppo Hera, mentre in piazza Libertà sarà posizionata una grande stella e due angeli abbelliranno la facciata del Duomo. «La comunità di Forni Avoltri regalerà alla città due abeti natalizi – ricorda Franz – e noi ci occuperemo di attivare musica in filodiffusione in San Giacomo e in via Mercatovecchio».

Per quanto riguarda il passo di lato di Confcommercio, il presidente Giuseppe Pavan chiarisce: «Quest’anno abbiamo preferito non intervenire direttamente, ma dare un supporto ai “capi” via per la presentazione delle domande in Comune. È stata una scelta per responsabilizzare i referenti di ogni zona». —

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi