Contenuto riservato agli abbonati

"Vogliamo essere artiste, non muse": la storia si ripete, quante donne hanno ceduto il posto agli uomini?

Emblematica è la storia di Aurelia Navarro, pittrice spagnola, che firmava con orgoglio i suoi quadri aspirando a un riconoscimento pubblico e sociale per il suo lavoro. Poi costretta al convento per aver dipinto un nudo

UDINE. Vi siete mai chiesti perché Joanne Rowling, creatrice della saga di Harry Potter sia uscita in stampa non con il suo nome ma con uno pseudonimo? Pare che glielo abbia chiesto la sua casa editrice preoccupata che il pubblico accettasse con difficoltà “una scrittrice donna”.

Ma contro quali pregiudizi e paure hanno lottato nei secoli le artiste? O le scienziate, si pensi solo a Eve Curie o Mileva Marić, fisica serba, prima moglie di Albert Einstein?

Emblematica è la storia di Aurelia Navarro, pittrice spagnola, che firmava con orgoglio i suoi quadri aspirando a un riconoscimento pubblico e sociale per il suo lavoro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Hawaii, l'incontro inaspettato è da brividi: fotografo si imbatte in uno squalo bianco mentre nuota

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi